ASSAGGI DI MAREMMA

Maremma
Tra la fine di luglio e l’inizio di agosto la famiglia All’assaggio si è concessa una settimana di meritata vacanza.

La meta è stata stabilita, ancora una volta, in base alle esigenze della belvetta, vale a dire una destinazione non troppo lontana da Napoli e, soprattutto, dog friendly.

E quindi, carichi di bagagli umani e canini, ce ne siamo andati tutti e tre in Maremma.

Come base strategica per gli spostamenti, abbiamo scelto Manciano, più esattamente la frazione Marsiliana, che ha il vantaggio di essere “in piano” rispetto ai tanti comuni della zona posti in cima a un’altura, ed è inoltre circondata da tante località di interesse, raggiungibili in meno di un’ora d’auto.

Manciano è definita “Spia della Maremma” perché sorge su una collina da cui si domina tutta la Maremma Grossetana.

IMG_4255

Manciano


Abbiamo alloggiato in un agriturismo decisamente basic, ma grazioso e funzionale ai nostri scopi.

IMG_4565
Da lì, ad esempio, siamo tornati nuovamente alla dog beach di Pescia Romana che avevamo già visitato a giugno, per offrire alla nostra “canetta” un rinfresco contro la calura dell’estate torridissima.

life is good at the beachIMG_4285IMG_3178IMG_4244
Lilli ha potuto fare il bagno anche alle Cascate del Mulino, cascatelle naturali di acqua termale a Saturnia.
La particolarità del luogo sono le spettacolari vasche naturali, formate dallo scorrere continuo delle acque sulla roccia calcarea. Le cascate sono alimentate dalle acque termali del torrente Gorello, e hanno una temperatura di circa 37 gradi.
Restare immersi in quel tepore liquido è come essere cullati in un brodo primordiale. Una sensazione estremamente rilassante.
Trattandosi di attrazione libera e sempre aperta, è presa d’assalto da tantissimi bagnanti a qualsiasi ora e in qualsiasi stagione. Al contempo, l’assenza di restrizioni non impedisce l’accesso ai cani, che possono così starsene allegramente a mollo accanto ai loro bipedi (sempre nel rispetto degli altri, ma questo per noi è sottinteso).
Consigliamo di equipaggiarsi con crema solare e cappellino perché l’area è totalmente priva di copertura, e nelle ore centrali della giornata il sole picchia davvero forte.

IMG_3234

Cascate del Mulino – Saturnia

IMG_3242IMG_3223
La nostra incursione maremmana è stata però soprattutto di terra.
Abbiamo toccato alcune località marine (Talamone, Albinia, Orbetello, Porto Ercole e Porto Santo Stefano) evitandone le spiagge, girovagando prevalentemente tra borghi, parchi artistici e infinite distese di cipressi, ulivi e viti, perdendoci tra i mille colori di un territorio ricchissimo.
Le temperature infernali ci hanno costretti a saltare, a malincuore, i siti archeologici e le necropoli.

IMG_3349
Bellissime e suggestive le tre Città del Tufo, Pitigliano, Sovana e Sorano, caratterizzate dalle rocce tufacee sulle quali si ergono e annoverate tra i Borghi più belli d’Italia.

Adagiata su una rupe, Pitigliano è anche detta “La Piccola Gerusalemme” in quanto in tempi passati ospitò una rilevante Comunità ebraica, le cui testimonianze di vita (Sinagoga e Ghetto) sono tuttora visitabili.

IMG_3244

Pitigliano

IMG_3249
Personalmente, ho amato in particolar modo Sovana, piccola gemma sassosa dall’atmosfera fuori dal tempo.

IMG_3268

Sovana

IMG_3269IMG_4377IMG_3280
Anche perché qui abbiamo ricevuto un’accoglienza molto calorosa presso l’enoteca Vino al Vino.
Oltre a servirci prelibatezze enoiche e gastronomiche locali (un assortimento di salumi e formaggi da manuale), i due osti Stefania e Vittorio ci hanno letteralmente sommersi di delucidazioni sul vino e sul cibo della zona, suggerendoci, tra le altre cose, di andare a visitare la cantina Antonio Camillo dove si produce un ottimo ciliegiolo in purezza.

IMG_4385

Vino al Vino – Sovana

IMG_4387IMG_4391
Consiglio che abbiamo prontamente seguito. Il titolare ci ha ospitati per una degustazione condita da quattro chiacchiere, e naturalmente abbiamo approfittato dell’occasione anche per fare un cospicuo approvvigionamento di bottiglie.

A Sorano abbiamo pranzato presso l’agriturismo bio Aia del Tufo.
Cucina tradizionale a base di ingredienti biologici direttamente prodotti presso l’azienda agricola, con piatti tipici come le pappardelle al cinghiale, i pici all’aglione, l’acquacotta, il buglione d’agnello. Semplicità agreste.

IMG_3259

Sorano

 

Delizioso il piccolo borgo di Montemerano, arroccato su una collina.
Il petroso centro storico medievale è perfettamente conservato e pervaso di romanticismo.

IMG_4281

Montemerano

IMG_4283
Qui ha sede il ristorante Caino, due stelle Michelin; noi, più modestamente, ci siamo accontentati di mangiare qualcosa al wine bar Castel diVino.
Immancabile il tagliere toscano con formaggi e salumi.
Che il cacio con le pere fosse buono ci era già noto; ci ha però sorpresi la piacevolezza dell’insalata di pere marinate servita in accompagnamento alla composizione.

IMG_4267

Castel diVino – Montemerano

IMG_4277

Cantuccini e Vin santo


Una vera e propria installazione a cielo aperto il Giardino dei Tarocchi di Capalbio.
Opera del talento visionario dell’artista Niki de Saint Phalle, rappresenta gli arcani maggiori dei tarocchi. Le statue sono ricoperte di pezzi di specchi e ceramiche dalle tinte sgargianti.
Il percorso è affascinante, onirico, carico di energia.

IMG_3297

Giardino dei Tarocchi – Capalbio

IMG_4473IMG_3314IMG_3330IMG_4474IMG_3324IMG_4482IMG_4509
Un bravo Maestro Assaggiatore Onaf resta tale anche in vacanza. Includere nel nostro itinerario una tappa in un caseificio era perciò d’obbligo.
Fortuna ha voluto che sulla nostra strada si trovasse uno dei più grandi stabilimenti del centro-nord, il Caseificio Sociale Manciano.

IMG_4410
Dopo aver concordato un appuntamento, abbiamo potuto effettuare una visita accurata sotto la guida della casara Cinzia Durani (nota personale: che bello vedere una donna in gamba al comando di un’impresa notevole!).

IMG_4411
Non avevamo mai visto caseifici di dimensioni così imponenti!
Il Caseificio Sociale Manciano è una società agricola cooperativa che riunisce oltre 200 allevatori, e che lavora milioni di litri di latte ogni anno, producendo formaggi di sola pecora e a latte misto vaccino-ovino. Ha conseguito inoltre diverse certificazioni di qualità.

Il prodotto di punta è ovviamente il Pecorino Toscano DOP, nelle sue differenti espressioni (fresco, stagionato, biologico, certificato Halal e “amico del cuore”, ricco di acidi grassi omega-3 in grado di abbassare la colesterolemia), ma la linea è ampia e comprende varie tipologie di caciotte, formaggi aromatizzati e affinati, il cacio di fossa e la ricotta.

Il latte utilizzato per la lavorazione del pecorino è dapprima pastorizzato e poi inoculato con fermenti lattici liofilizzati. La coagulazione avviene grazie a caglio animale in polvere.

Abituati a realtà produttive molto più piccole, non avevamo familiarità con cassoni di stufatura e camere calde: non si finisce mai di imparare!

caseificio

Caseificio Sociale Manciano


Un’esperienza molto, molto istruttiva.

IMG_4563formaggi
Altra tappa irrinunciabile per i food&wine lover, Scansano.
Nella patria del Morellino non potevamo che dedicarci agli assaggi enoici a tutta forza.
Perfettamente adatta allo scopo, l’Enoteca Scansanese, che propone ben 16 vini in degustazione gratuita e il cui staff è di una cortesia assoluta. Impossibile uscirne a mani vuote!

IMG_4453

Enoteca Scansanese – Scansano

IMG_4469


Il nostro bottino enogastronomico finale ha incluso dunque vino, formaggi (tra cui il Pecorino a latte crudo della Maremma, Presidio Slow Food), miele di Marruca (tipicamente maremmano, così come il miele di Schiucciolo, ma l’annata arida e siccitosa non ha consentito la produzione di quest’ultima tipologia), composta di pomodori verdi (da abbinare al pecorino).

I profumi e i sapori della Maremma siamo riusciti a portarceli a casa; la bellezza, invece, è impressa nei nostri scatti e nei nostri occhi.


P.S.: Questo post è stato scritto con la mano sinistra a causa di una frattura della falange del medio destro.
Solitamente uso questa espressione, “scritto con la mano sinistra”, riferendomi a un articolo che appare svogliato o poco accurato.
Spero che in questo caso invece la frase conservi esclusivamente il significato letterale, e invoco la clemenza dei lettori per eventuali errori 😉


Assaggi sparsi:

IMG_4529

Saturnia

IMG_4617

Saturnia

IMG_4536

Saturnia

IMG_4616

Saturnia

IMG_4531

Saturnia

IMG_4550

Crostino toscano – Da Mario, Saturnia

IMG_4613

Pici con capperi, alici e briciole di pane – Da Mario, Saturnia

IMG_4215

Torta della nonna

IMG_4496

Capalbio

IMG_4499

Capalbio

IMG_3345

Capalbio



Caseificio Sociale Manciano
Loc. Piano di Cirignano – Manciano, Grosseto
tel. 0564/60941
www.caseificiomanciano.it  

Vino al Vino
Via del Duomo, 10 – Sovana, Grosseto
tel. 0564/617108
www.facebook.com/enoteca.vinoalvino  

Il Giardino dei Tarocchi
Loc. Garavicchio – Capalbio, Grosseto
tel. 0564/895122
http://ilgiardinodeitarocchi.it  

Enoteca Scansanese
Via XX Settembre, 15 – Scansano, Grosseto
tel. 0564/507263
www.facebook.com/enotecascansanese

Antonio Camillo
Loc. Pianetti di Montemerano – Manciano, Grosseto
tel. 339/1525224
www.facebook.com/antoniocamilloviniditerritorio  

Pasticceria Millevoglie
Via Maremmana, 66 – Albinia-Orbetello, Grosseto
tel. 0564/870044
www.facebook.com/millevogliePasticceria        

Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!