CAPODANNO 2014 AL KRÈSIOS

IMG_4287

Come avrete potuto notare dai nostri resoconti, il 2013 è stato un anno di bisbocce e gozzovigliamenti senza soluzione di continuità, un’annata di incursioni e di avventure golose a getto continuo.
Domanda: In quale modo pensate che abbiamo festeggiato il nostro Capodanno?
…ebbene sì, ancora a tavola! E che tavola, aggiungo!
In verità non era previsto, ma dubito che qualcuno possa crederci. Ad ogni modo, approfittando di un’occasione last minute, ce ne siamo andati al Krèsios. Mi sembra già di sentirvi: “Come, di nuovo???”. Sì, di nuovo. Perché mi fa sentire a casa, perché amo la loro cucina, e perché decido io (Dani despota).
E quindi ora vi racconto le incredibili proposte escogitate da Giuseppe Iannotti per il cenone del 31 dicembre 2013. 12 portate 12, mica robetta. Senza contare i pani e i grissini della casa, il burro francese e qualche sorpresina che arriva sempre…

menu-p
IMG_4234

Pane della casa


Allora. Vi ho già detto che chef Iannotti ha un’attenzione maniacale per la scelta degli ingredienti (la qual cosa mi dà una gran sicurezza, soprattutto quando si tratta di pesce crudo), e non si è di certo risparmiato in questo frangente: la qualità è sempre al primo posto! Profumi pervasivi, combinazioni ispirate, rivisitazioni e contaminazioni fusion hanno caratterizzato un menu elegantissimo e festoso, in grado di accogliere calorosamente un nuovo anno all’insegna del gusto.

Si è passati dal croccante e sapido dell’amuse-bouche (Sfoglia di grano di Foglianise, mousse di ricotta di bufala al pepe di Sichuan, uova di trota di lago e salmone) alla scioglievole morbidezza del battuto di gambero rosso siciliano movimentato da una salsa all’aglio, fino alla raffinatezza dell’astice bilanciato dalle cime di rapa e profumato dall’olio di nocciola.

IMG_4223

Sfoglia di grano, mousse di ricotta di bufala, uova di trota e salmone

IMG_4231

Crudo di gambero di Mazara del Vallo, petali di lavanda e fior di sale

IMG_42421

Astice e cime di rapa


Nuova rotta per la zuppa di cozze, animata da una grattata di zenzero e con i mitili già perfettamente sgusciati, pronti ad essere assaltati. Piatto squisito.

IMG_4248

Zuppa di cozze della Galizia, conserva secca e pane al camino


Ai Cappelletti di cicala di mare in versione minimalista è seguito il solenne Risotto Carnaroli della Riserva San Massimo con caviale, tartufo bianco di Alba e germogli: da applauso!

IMG_4258

Cappelletti di cicala di mare

IMG_4263

Risotto carnaroli Riserva San Massimo, caviale, tartufo bianco di Alba e germogli


Beneaugurante il Morro fritto in pastella di Ginger Ale con salsa alla mela verde, melograno ed erbe aromatiche, con 12 chicchi di melograno – simbolo di fertilità – a rappresentare i 12 mesi dell’anno a venire: un piccolo emblema propiziatorio.
Servita a parte, la pelle del morro resa scrocchiarella.

IMG_4269

Morro in pastella di Ginger Ale, salsa alla mela verde, melograno ed erbe aromatiche


Assolutamente spiazzante il Capitone con spinaci, semi di sesamo tostati e salsa di soia: una variante jap style di un classico della cucina campana, frutto degli stimoli e degli scambi con il collaboratore nipponico Tadashi Takayama.
Dalla sala osservavamo rapiti i membri della brigata che, all’interno della cucina, pennellavano e spennellavano copiosamente l’anguillona fino a renderla lucida e laccata (nonché deliziosa!). Ennesimo applauso.

IMG_4279

Capitone, spinaci, semi di sesamo tostati, salsa di soia


Per “pulire la bocca” non poteva esserci un sorbetto classico, e allora ecco arrivare un Mojito: Sorbetto al lime, zucchero di canna, menta, rum bianco.

IMG_4286

Sorbetto al Mojito


Allo scoccare della mezzanotte, tutti in piedi per il brindisi, con lo chef a stappare champagne e a distribuire flûtes agli ospiti e allo staff di sala e di cucina.

IMG_4297

Lo staff del Krèsios

IMG_4303

Giuseppe Iannotti


Ma la pappatoria non si è mica interrotta al battere dei rintocchi!

Ancora tradizione portafortuna con il Cotechino home made (molto aromatico e speziato) e le lenticchie di prassi.

IMG_4314

Cotechino e lenticchie


Dolce avvio di conclusione con lo Zabaglione al marsala sifonato, fichi secchi glassati, nocciole e cioccolato (da mangiarne a secchiate! E infatti lo chef ci ha generosamente elargito una dose extra direttamente dal sifone), e finale con caldarroste, macarons, pâtes des fruits e cookies.

IMG_4318

Zabaglione al marsala sifonato, fichi secchi glassati, torrone e cioccolato

IMG_4323

Cookies, macarons, pâtes des fruits


Devo confessare… sebbene io abbia il cosiddetto “dente dolce”, non sono riuscita a terminare i biscotti! Ero satolla, ma entusiasta. Lo so, è una macchia per il mio curriculum… 😀

Un ringraziamento allo staff del Krèsios per la splendida serata trascorsa insieme, e un augurio di buon anno a tutti i lettori (con la promessa/minaccia che le incursioni continueranno!)  :-)
 
 
 
Krèsios
Via San Giovanni, 59 – Telese Terme, Benevento
tel. 0824/940723
Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!