DA ENZO COCCIA IL CASATIELLO DIVENTA PIZZATIELLO CON POMODORO SAN MARZANO DOP

EnzoCoccia
Il casatiello è il simbolo per eccellenza della gastronomia napoletana del periodo pasquale.
Un lievitato opulento a forma di ciambella, ricco di strutto, uova, formaggi e salumi.
Non c’è casa a Napoli e dintorni in cui non venga preparato o acquistato, per allietare la tavola di Pasqua e le gite fuori porta del lunedì in Albis.

Una tradizione puntualmente rispettata anche in casa di Enzo Coccia, il maestro pizzaiolo patron della pizzaria La Notizia.
Rifacendosi alle sue memorie giovanili, ma volendo aggiungere anche un tocco diverso e personale, Enzo ha creato il Pizzatiello, ovvero il casatiello con Pomodoro San Marzano DOP.
La ricetta è stata accuratamente elaborata dopo un lungo lavoro di studio e ricerca con gli specialisti del Panificio Malafronte: acqua, farina, sugna, lievito madre e biga, formaggi stagionati, salumi misti e Pomodoro San Marzano DOP essiccato sott’olio Gustarosso di DaniCoop, che conferisce al prodotto un sapore stuzzicante e un colore molto piacevole.

IMG_0936
Il maestro Coccia ha presentato il Pizzatiello lunedì 10 aprile presso la Pizzaria La Notizia.

IMG_2466IMG_0934IMG_0937IMG_2475IMG_2490IMG_2484
La storica della cucina partenopea Lejla Mancusi Sorrentino ha raccontato le origini del casatiello, il cui nome deriva dal latino caseus, ossia formaggio.

Lejla Mancusi Sorrentino

Lejla Mancusi Sorrentino


Gli antenati del casatiello si ritrovano già in epoca pre-cristiana, nei pani speciali offerti agli dei in occasione delle feste propiziatorie. In particolare, nel pane tipico di primavera dedicato alla dea Cerere.
Successivamente, troviamo documentazione del casatiello nell’opera di Giovanni Battista Del Tufo Il Ritratto o modello delle grandezze, delizie e meraviglie della nobilissima città di Napoli nel XVI secolo, e nel XVII nelle pagine de La gatta Cenerentola di Giambattista Basile.
In epoca cristiana, il casatiello rappresenta l’esplosione dei sapori dopo l’astinenza e il digiuno imposti dalla Quaresima.

Gli artefici del Pizzatiello hanno spiegato come sono arrivati alla ricetta definitiva.
Enzo Coccia e Massimiliano Malafronte hanno deciso di non utilizzare lievito fresco, ma un insieme di lievito madre e biga, per una lievitazione complessiva di 48 ore. L’impasto non viene arrotolato su se stesso come prevede la tecnica napoletana, e, agli ingredienti classici, viene aggiunto pomodoro San Marzano essiccato sott’olio; una scelta dovuta al fatto che questa tipologia garantisce una maggiore conservabilità del Pizzatiello rispetto al pomodoro fresco.

IMG_0947
Il Pizzatiello è in vendita presso le pizzarie La Notizia 53 e ’O Sfizio d’‘a Notizia fino a Pasqua.


La Notizia 53

Via Michelangelo da Caravaggio, 53 – Napoli
tel. 081/7142155
’O Sfizio d’‘a Notizia
Via Michelangelo da Caravaggio, 49/51 – Napoli
tel. 081/7148325
www.enzococcia.com

Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!