GIROVAGANDO…

DSC03871
Qualcuno per caso si stava domandando dove fossi finita? Tranquilli, non sono sparita. Sono stata un po’ in giro per l’Italia, e ho fatto qualche scoperta interessante.
La scorsa settimana mi sono ritrovata a zonzo per la Val di Chiana, terra dal patrimonio enogastronomico notoriamente generoso. Carni di razza Chianina, salumi di Cinta Senese, pecorino di Pienza, zafferano di San Gimignano, olio extravergine d’oliva, vini pregiati e dolci golosi: una vera manna per i buongustai.
Vi svelo una mia piccola mania: quando viaggio, la prima cosa che metto in valigia è la Guida Michelin. Ognuno ha il suo feticcio, il mio è sicuramente meno nocivo di altri 😉 Ebbene, per i pasti al di fuori della mia terra natia mi affido totalmente alla Rossa!
Così, seguendo le indicazioni della Guida, mi sono fermata a mangiare in un paio di locali contrassegnati dal simbolo “Bib Gourmand”, ovvero esercizi dalla cucina di qualità a prezzi contenuti.
Iniziamo con l’Hostaria Il Buco di Chianciano Terme, un ristorante con cucina territoriale. Per l’antipasto, la scelta è ricaduta sui classici crostini toscani (fette di pane toscano tostate e spalmate con patè di fegatini di pollo). Naturalmente anche i primi non potevano che essere di territorio: tra una vasta selezione di paste fatte in casa, ho optato per i ravioli alle ortiche, e ho assaggiato anche i ravioli ripieni di pecorino presi da mio marito.

ravioli-all-27ortica

Ravioli alle ortiche

ravioli-ripieni-di-pecorino-di-pienza-con-burro-e-pecorino-di-fossa

Ravioli ripieni di pecorino di Pienza con burro e pecorino di fossa


Nel secondo locale, l’Osteria La Solita Zuppa di Chiusi, allettati dalla varietà delle proposte abbiamo ordinato un pasto completo, dall’antipasto al dolce. La locanda offre una buona cucina tradizionale toscana; il menu segue la stagionalità delle materie prime. I proprietari hanno illustrato minuziosamente gli ingredienti e le tecniche di preparazione dei vari piatti (cosa utile per chi non è della zona), nonché i vini in abbinamento a ciascuna portata.
Doveroso assaggiare sia una zuppa che la pasta fatta a mano, così come secondi tipici come la Chianina e la faraona. Inconsueti invece i dolci.

DSC03873

Cacio e pere

DSC03881

Zuppa porri e patate

DSC03876

Tagliatelle di farro ai peperoni

DSC03887

Carrè di Chianina cotto al forno a legna

DSC03892

Faraona con pere al profumo d’arancia

DSC03899

Crostata di visciole con gelato allo zafferano

DSC03897

Cocotte tiepida di mele

DSC03904

Caffè

DSC03905

Osteria La Solita Zuppa


Come sempre, ho portato con me a casa dei ricordini golosi: non credo esista souvenir di viaggio migliore!

IMG_7493IMG_7506IMG_7501
Durante la strada di ritorno verso Napoli, c’è stata una immancabile tappa a Roma (non potevo mica farmi sfuggire una sosta capitolina!); ne ho approfittato per fare una capatina alla Sweety Rome Bakery (di Sweety Rome Caffè si parla qui) e acquistare un bel po’ di dolcetti.
Del resto, ho appena festeggiato il mio compleanno… un po’ di coccole mi saranno pur concesse 😉


DSC03912

Hostaria Il Buco

Via della Pace, 39 – Chianciano Terme, Siena
tel. 0578/30230

Osteria La Solita Zuppa
Via Porsenna, 21 – Chiusi, Siena
tel. 0578/21006
www.lasolitazuppa.it

Sweety Rome Bakery
Via Eurialo, 5-5a – Roma
tel. 06/7824930

 

AGGIORNAMENTO: Sweety Rome ha chiuso.

Salva

Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!