IL POGGIO DEL PICCHIO, TIPICITÀ IN VASETTO

logo-il-poggio-del-picchio
Avreste mai pensato che un picchio (sì, l’uccello, proprio come Woody Woodpecker alias Picchiarello dei cartoon) potesse stravolgere la vita di un intero nucleo familiare?
È quanto accaduto in Irpinia alla famiglia Giselico-Russo. Ecco com’è andata.

Una decina d’anni or sono, il picchio verde in questione era solito beccare ripetutamente l’antico albero di pere mastantuono sito nei terreni in località Cesinali, che erano stati acquistati con l’intenzione di realizzare un vigneto. Perciò, per limitare i danni, il capofamiglia decise di praticare una cinquantina di innesti del pero originario. Il caso (o la fortuna) volle che gli innesti attecchissero tutti!
Ritrovatasi all’improvviso con una enorme quantità di frutta, mamma Fiorenza Giselico rispolverò la sua passione per le confetture. A sua disposizione, non solo le pere di cui sopra, ma anche tanti altri prodotti tipici irpini.

È così che è nata l’Azienda Agricola Il Poggio del Picchio, fucina artigianale di marmellate, confetture e gelatine: dall’amore per la terra, per i suoi frutti, per il recupero di sapori antichi, per la tutela della biodiversità.
Alle piante preesistenti ne sono via via state aggiunte delle altre, ed oggi l’azienda annovera numerose tipologie di frutti autoctoni, in particolar modo varietà antiche e “dimenticate”, tra le quali corbezzoli, azzeruoli, gelsi, nespole germaniche, rosa canina, e ancora mele cotogne, annurche, zitelle e limoncelle. Il metodo di coltivazione è, neanche a dirlo, totalmente naturale e privo di sostanze di sintesi chimica.

img_9859

Corbezzoli

img_9841

azzeruoli

Azzeruolo


L’appezzamento si snoda intorno a un bellissimo casale del 1841, e comprende filari di uva fragola, rovi di more e altri frutti di bosco, piante di mirto, oltre a ulivi, svariati alberi da frutta e ortaggi di ogni genere.

davimg_0025img_0041

img_0012

Olive

img_9967

Rosa canina

img_9979img_9982
A dare man forte alla mamma ci sono le due figlie Francesca e Laura Russo, le cui lauree in ingegneria e in chimica sono tornate utili nella gestione dell’attività.

Tutti i prodotti de Il Poggio del Picchio sono di una bontà inaudita!

La trasformazione avviene in una proprietà nel comune di Aiello del Sabato.
Macchinari moderni consentono di conservare inalterate le caratteristiche organolettiche della frutta senza cuocerla e di aggiungere pochissimo zucchero (e niente altro!), regalando alle confetture un sapore di frutta fresca come appena raccolta.
A dare ulteriore valore a una materia prima già indiscutibile concorrono gli accostamenti insoliti, talvolta perfino arditi, con frutta secca, scorzette, spezie, erbe aromatiche e officinali.

img_9885
Il risultato? Confetture e gelatine fantastiche, in tantissimi gusti diversi, in varianti adatte per la prima colazione o da abbinare a formaggi e carni. Una più squisita e più intrigante dell’altra, dalla confettura di More alla lavanda a quella di Melanzane al cioccolato, da quella di Peperoni rossi a quella di Zucchine con pistacchi di Bronte, zenzero e peperoncino.
Non mancano neanche ricette che contengono il tè matcha!

confettureconfetture-3img_9943
L’unico ingrediente acquistato dall’esterno è la cipolla ramata di Montoro.

img_9903img_9931img_9929
Le marmellate sono invece preparate con agrumi non trattati provenienti dalla basilica di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori a Pagani, procacciati mediante un singolare baratto: frutta in cambio di vasetti di prodotto lavorato, che i monaci regalano ai visitatori.
È grazie a questo scambio che le tre menti creative ottengono prelibatezze come la marmellata di Arance di S.Egidio con zenzero e peperoncino, la marmellata di Mandarini con scorzette candite, la marmellata di Limoni di S.Egidio e uno spettacolare ketchup di arance!

img_9912pancakes-3marmellata
L’assortimento de Il Poggio del Picchio comprende anche succhi di frutta, composte, passate di pomodoro e patè.

img_9905succhi
Prodotti assolutamente deliziosi, confezionati uno per uno dalle amorevoli mani delle tre gentildonne con fiocchi e coprivasetti coloratissimi che mettono allegria già solo a guardarli.

img_9898
Reperire queste squisitezze supreme è semplicissimo: basta ordinare attraverso il sito web.

Noi napoletani abbiamo inoltre la fortuna di poter fare vari assaggi al Cheese Bar di Sagra, dove il buon Salvatore Lista non manca mai di abbinare confetture e marmellate Il Poggio del Picchio ai suoi taglieri di salumi e formaggi; i prodotti sono ovviamente acquistabili in bottega.

A volte la felicità è sigillata in un vasetto di vetro :-)    


Azienda Agricola Il Poggio del Picchio
Contrada Salice, 11 – Aiello del Sabato, Avellino
tel. 0825/667238
www.ilpoggiodelpicchio.com

Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!