LA TORRE ONE FIRE, OSTERIA SLOW FOOD

logo La Torre
“Posizione invidiabile, a pochi metri da un belvedere con vista su Capri, per questa trattoria a conduzione familiare. I piatti non smentiscono la tradizione partenopea”.

È questo il modo in cui la prestigiosa Guida Michelin descrive La Torre, ristorante di Massa Lubrense al quale la “Rossa” attribuisce il simbolo di Bib Gourmand, ovvero di esercizio che offre cucina di qualità a prezzi contenuti.

Una definizione che calza a pennello a quest’osteria di cucina tipica campana e dall’ubicazione strategica, gestita dalla famiglia Mazzola.

IMG_2915IMG_3055
Una realtà ristorativa ben nota da anni e ulteriormente balzata agli onori delle cronache per via della partecipazione di Amelia Mazzola alla prima edizione del talent show Hell’s Kitchen Italia nel 2014.

Amelia_Mazzola

Amelia Mazzola


Sorriso luminoso, una spontaneità innata che mette allegria, Amelia è responsabile di sala e aiuto cuoca della madre Maria Aprea. L’abbiamo incontrata nel corso delle ultime due edizioni di Festa a Vico (qui e qui) ed è scattato subito il feeling, così siamo stati ben felici di accettare il suo invito alla serata di giovedì 16 luglio organizzata in collaborazione con la condotta Slow Food Costiera Sorrentina e Capri, i vini di Fattoria La Rivolta e i prodotti da forno del Panificio Malafronte (di cui parliamo qui).

La Torre 16 luglio
In apertura, il Benvenuto “One Fire” (dall’appellativo del capofamiglia Tonino): Degustazione del nuovo Presidio Slow Food Lupino Gigante di Vairano e la Pizza fritta con Antico Pomodoro di Napoli Presidio Slow Food.

Benvenuto One Fire

Benvenuto “One Fire”: Lupino Gigante di Vairano Presidio Slow Food e Pizza fritta con Antico Pomodoro di Napoli Presidio Slow Food


Il produttore Mario Parente (del quale avevamo già assaggiato le peschiole in agrodolce qui) ha illustrato le caratteristiche del Lupino Gigante di Vairano, un alimento ricchissimo di proteine, dalle proprietà nutraceutiche come quella di abbassare il colesterolo. La coltura del lupino, non essendo particolarmente redditizia, è caduta in disuso, per cui l’obiettivo di Slow Food è quello di rilanciarla promuovendone le peculiarità.

IMG_2937

Mario Parente, Azienda Agricola Verticelli

Lupino_Gigante_di_Vairano

Lupino Gigante di Vairano


A seguire, una vera eccellenza del territorio: Gamberetto di Crapolla gratinato in foglia di limone Massese.

IMG_2960

Gamberetto di Crapolla gratinato in foglia di limone Massese


Rita Abagnale
, consigliere nazionale Slow Food, ha raccontato che il Gamberetto di Crapolla (località nell’Area Marina Protetta di Punta Campanella, tra il Golfo di Napoli e quello di Salerno) è stato tra i primi Presidi Slow Food agli inizi del 2000, poi sospeso per via dei quantitativi ridottissimi del pescato. Piccolo, rosato e dalle caratteristiche uova blu (che possono essere gustate a mo’ di caviale, spalmate sul pane), il Gamberetto di Crapolla è squisito sia crudo che cotto. Si mangia con tutto il guscio, a esclusione della testa.

IMG_3040

Amelia Mazzola e Rita Abagnale

IMG_3029
Per la pasta, una novità della casa: Ravioli di ricotta di bufala e limone Massese su guazzetto di vongole e mentuccia. Tutti i sapori della Penisola Sorrentina in un piatto!

IMG_2974

Ravioli di ricotta di bufala e limone Massese su guazzetto di vongole e mentuccia


Il successivo Cuppitiello di paranza con scarola riccia e papaccella napoletana Presidio Slow Food ha messo insieme la freschezza e la salinità del pesce, la golosità della frittura e la croccantezza dei prodotti dell’orto.

IMG_2993

Cuppitiello di paranza


Una coccola dal sapore casalingo il Pasticciotto crema e amarena, preparato con la frutta sciroppata della nonna materna.

IMG_3036

Pasticciotto crema e amarena


La cena è stata accompagnata da pani, grissini e crackers di Massimiliano Malafronte, e dalla Falanghina del Sannio, dall’Aglianico del Taburno rosato e dal Fiano del Taburno di Fattoria La Rivolta.

IMG_2950

Massimiliano Malafronte

IMG_2947

Grissini del Panificio Malafronte

IMG_2970

Aglianico del Taburno rosato Fattoria La Rivolta


Nei prossimi mesi il team La Torre sarà coinvolto in importanti collaborazioni: rappresenterà la Campania a Milano Expo 2015 per tutto il mese di ottobre, mentre all’inizio del 2016 gestirà l’Osteria Campana presso Eataly Roma.

IMG_3044

La famiglia Mazzola: Alessia, Tonino, Maria e Amelia


La Torre One Fire

Piazzetta Annunziata, 7 – Massa Lubrense, Napoli
tel. 081/8089566
www.latorreonefire.it

Panificio Malafronte
Via Castellammare, 162 – Gragnano, Napoli
tel. 081/8714049

Fattoria La Rivolta
Contrada Torrecuso – Benevento
Uffici: 081/0362454 – Cantina: 0824/872921
www.fattorialarivolta.com

Azienda Agricola Verticelli
Trasformazione: Via G. Marconi, 11 – Vairano Patenora, Caserta
Produzione: Località Verticelli – Vairano Patenora, Caserta
tel. 0823/988716

Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!