LE GUIDE SLOW FOOD ALLE PENDICI DEL VESUVIO

guide

Da quando ho memoria, febbraio è sempre stato il mese più freddo dell’anno. Cos’è allora che può spingere una donna perennemente infreddolita a partecipare ad una visita all’aperto in una giornata dalla temperatura polare, se non una irriducibile curiosità?

L’occasione che mi ha convinta a lasciare il tepore delle mura domestiche è stato un evento organizzato dalla Condotta Slow Food Vesuvio, che si è svolto sabato 4 febbraio presso l’Azienda Vinicola Sorrentino di Boscotrecase.

IMG_0979
 
La mattinata ha avuto inizio con la visita ai vigneti dell’azienda; guida d’eccezione, la giovane enologa Benny Sorrentino, rappresentante di terza generazione della famiglia di viticoltori, che con perizia e competenza ha descritto ai numerosi partecipanti le caratteristiche salienti del territorio vesuviano e come esse si ritrovino nei vini che vi si producono.
È stato istruttivo apprendere tante cose poco note, come ad esempio la forte presenza dei conigli selvatici nell’area vesuviana, e la conseguente necessità da parte dei vignaioli di difendere le piante più piccole con delle protezioni in plastica rigida per impedirne il rosicchiamento!

IMG_0986bis

L’enologa Benny Sorrentino

IMG_0980IMG_1031IMG_1028IMG_0990IMG_1016IMG_1048IMG_1039IMG_1042IMG_1017cartelli

Successivamente, ci siamo spostati tutti all’interno del’antico casolare collocato nei vigneti aziendali per la presentazione delle due guide 2012 edite da Slow Food: Slow Wine e Osterie d’Italia.

IMG_1079
IMG_1059IMG_1215

Alberto Capasso
, fiduciario di Slow Food Vesuvio, ha esposto gli obiettivi dell’associazione Slow Food: non una semplice ricerca di cose buone, ma di prodotti realizzati in modo pulito, sostenibile e giusto.

IMG_1095

Alberto Capasso


Di Osterie d’Italia 2012 hanno parlato Giancarlo Capacchione e Vito Trotta, entrambi fiduciari Slow Food e curatori della guida per la Campania.

Si è scelto di utilizzare criteri più restrittivi rispetto a una consueta raccolta di locali, in quanto la guida individua varie tipologie di esercizi e di operatori (osterie, agriturismi, ristoranti etc.) purché tutti all’interno di una soglia di prezzo massimo applicato ai clienti, fissato a 35 Euro.

Inoltre la guida dà spazio prevalentemente ai ristoratori che utilizzano prodotti del territorio di appartenenza, e che pertanto aiutano a far crescere l’economia locale.
Altra particolarità contenuta è la segnalazione delle ricette tradizionali e dei locali dove poterle mangiare, per l’importanza assegnata da Slow Food ai valori della tradizione, del territorio e dell’identità.

IMG_1104

Giancarlo Capacchione

IMG_1117

Vito Trotta


Slow Wine 2012
è stata illustrata dalla wine writer Marina Alaimo e dal giornalista Luciano Pignataro, i quali hanno spiegato che la pubblicazione è molto più di una guida classica, per vari motivi. Innanzitutto perché le aziende vengono visitate e verificate personalmente dagli ispettori, quindi non c’è il semplice assaggio dei vini attraverso l’invio del prodotto. In secondo luogo, perché è dato ampio rilievo ai piccoli viticoltori e in particolar modo ai produttori del territorio vesuviano, spesso snobbati da altre guide.

La guida viene venduta non solo su supporto cartaceo, ma anche come applicazione per iPhone; in più, è stata presentata anche all’estero, dove ha ricevuto ottima accoglienza.

IMG_1099

Marina Alaimo

IMG_1141

Luciano Pignataro


Questa ricca introduzione ha stimolato l’interesse e l’appetito dei presenti, che sono stati ampiamente soddisfatti dalla degustazione di vini vesuviani e di piatti preparati da alcuni degli osti dell’area vesuviana recensiti nella guida.

IMG_1177
IMG_1186
IMG_1148
IMG_1065

Vini Sorrentino e Villa Dora

IMG_1066

Vini Cantina del Vesuvio

IMG_1073

Vini Casa Setaro

IMG_1075

Vini Terre di Sylva Mala

IMG_1081

Vini Sorrentino

IMG_1204IMG_1207IMG_1209

Ci hanno deliziati con le loro proposte i ristoranti ‘E Curti di Sant’Anastasia (reportage qui), Viva lo Re di Ercolano, Salvo di San Giorgio a Cremano e Il Veliero di Torre del Greco, che hanno preparato, rispettivamente, Zuppa di fagioli e funghi, Sformatino di Ziti con la Genovese, frittura mista, Cannelloni con frutti di mare.

IMG_1193

Angelina Ceriello (‘E Curti)

IMG_1224

Zuppa di fagioli e funghi

IMG_12261

Sformatini di Ziti con la Genovese (Osteria Viva lo Re)

Immagine-140

Sformatino di Ziti con la Genovese

IMG_1230

Montanara (Pizzeria Salvo)

Immagine-142

Cannellone con frutti di mare (Ristorante Il Veliero)


Come degna conclusione della giornata, gli osti hanno comunicato la loro decisione di rinunciare al compenso per le spese sostenute, pertanto l’intero incasso del pranzo è stato devoluto al progetto Terra Madre per la costruzione di un orto in Africa.

IMG_1160
IMG_1168
 
 
Elenco delle aziende vinicole presenti all’evento:
 
Azienda Vinicola Sorrentino
Via Casciello, 5 – Boscotrecase, Napoli
tel. 081/8584963
 
Cantina del Vesuvio
Via Tirone della Guardia, 12 – Trecase, Napoli
tel. 081/5369041
 
Casa Vinicola Setaro
Via Bosco del Monaco, 34 – Trecase, Napoli
tel. 081/8628956
 
Villa Dora
Via Boscomauro, 1 – Terzigno (Napoli)
tel. 081/5295016
 
Azienda Vitivinicola Terre di Sylva Mala
Via Fruscio, 2 – Boscotrecase, Napoli
tel. 331/3137277
Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!