LE STRADE DELLA MOZZARELLA 2012

le-strade-della-mozzarella
Le Strade della Mozzarella
è una rassegna dedicata a uno dei prodotti più rappresentativi della Campania, la Mozzarella di Bufala Campana Dop, che si svolge in una delle località della sua maggior produzione, il comune di Capaccio Paestum.
Tre giornate di eventi che si susseguono per valorizzare la mozzarella e i prodotti dell’alimentazione mediterranea, nel naturalistico scenario della Tenuta Capodifiume e del ristorante Le Trabe.

IMG_4875IMG_5400


Quest’anno la kermesse è stata inaugurata il 7 maggio da due maestri pizzaioli campani, Enzo Coccia e Franco Pepe (si parla di loro qui), a riprova del fatto che ormai la pizza ha dignità pari a quella dei piatti degli chef più rinomati – come ha sottolineato la giornalista Laura Gambacorta nel corso dell’incontro introduttivo “In viaggio con la pizza” – tant’è vero che il locale dello stesso Coccia è segnalato dalla guida Michelin. Dopo il saluto del presidente del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop Domenico Raimondo, i due maestri hanno spiegato che, oltre agli ingredienti eccellenti, a rendere speciale la pizza napoletana deve essere la qualità dell’impasto.

IMG_5000

Domenico Raimondo

IMG_5039

Enzo Coccia, Laura Gambacorta e Franco Pepe


Franco Pepe
ha ereditato la metodologia di suo padre e suo nonno, e cioè quella di fare ogni giorno l’impasto a mano, la qual cosa gli consente di regolare volta per volta il quantitativo di farina da aggiungere all’acqua, alla pasta di riporto e al sale delle saline di Trapani in base a fattori esterni come temperatura e umidità. Lavora l’impasto all’interno di una madia di legno (o martora), facendo in modo da incorporarvi aria; la fase successiva è quindi una lievitazione di circa dieci ore.

IMG_5024

Franco Pepe

IMG_5056IMG_5059IMG_5067


Enzo Coccia
invece è un sostenitore della tecnologia a supporto della tradizione, e impasta a mano solo quando è impossibilitato a fare diversamente. Ha sfruttato l’occasione dell’apertura della manifestazione per proporre una pizza-aperitivo: una montanara condita con prosciutto e melone (frullato e ripassato in padella con olio, origano e capperi), seguita successivamente da un calzoncino fritto farcito con cozze, ricotta di bufala e pancetta.

IMG_5035

Enzo Coccia

IMG_5113IMG_5126
IMG_5097

Montanara con prosciutto e melone

IMG_5159
IMG_5168

Calzoncino con cozze, ricotta e pancetta


Anche lo chef Igles Corelli, presente all’evento, ha gustato le originali creazioni.

IMG_4979

Igles Corelli


Il secondo incontro della giornata è stato quello con lo chef bistellato Mauro Uliassi, titolare del ristorante Uliassi di Senigallia (provincia di Ancona).

IMG_5208

Mauro Uliassi


Lo chef ha cercato un modo per esaltare un prodotto già di per sé straordinario, la mozzarella di bufala, accompagnandolo con altri prodotti che ne sono stati a loro volta esaltati. Ha proposto due piatti: una sorta di secondo, una crema di mozzarella (stracciata di bufala frullata) arricchita con ingredienti sapidi, croccanti e aromatici, come alici, basilico, pane al nero di seppia, pomodori essiccati, peperoni, capperi fritti, pistacchi tostati, e un pre-dessert costituito da una base di stracciatella di bufala con ricotta di bufala, dolcificata con poco miele e con l’aggiunta di elementi dolci, salati e vegetali quali oliva essiccata, gel di apricot brandy, albicocca essiccata, scorza di limone candita, scorza di bergamotto, pomodoro confit, capperi, piselli secchi, uva passa.  

IMG_5207IMG_5254IMG_5266IMG_5297
IMG_5332

Pre-dessert


Fiammetta Fadda
, critico enogastronomico di Panorama, ha commentato che i piatti erano una sintesi di eccellenze, e che il risultato finale era superiore alla semplice somma degli addendi. La Fadda ha inoltre illustrato alcune attività di Uliassi, tra le quali il progetto Street food presentato al Salone del Mobile di Milano.

IMG_5232

Fiammetta Fadda


Il laboratorio successivo ha visto come protagonista lo chef bistellato Davide Scabin del ristorante Combal.Zero di Rivoli (Torino).  

IMG_5447

Davide Scabin


Enzo Vizzari
, direttore della guida Ristoranti d’Italia de l’Espresso, ha affermato che non si è mai mangiato così bene in Italia come in questo momento, e che Scabin è sicuramente una delle personalità più emblematiche della ristorazione italiana e internazionale.

IMG_5424

Enzo Vizzari


Scabin è stato un vero e proprio fiume in piena, ci ha travolti con tantissime preparazioni! Ha voluto giocare con i piatti italiani per antonomasia, pasta e risotto, trasformandoli e proponendoli sotto forme diverse. Questo schema “Pasta & Rice reloaded” era già stato presentato a Identità London 2011.
Così la pasta da primo piatto è diventata un amuse-bouche, da mandare giù in un sol boccone. Innovativi anche il metodo di cottura – metà per bollitura, metà per infusione – e il condimento, a mo’ di sushi, ottenuto spruzzando la pasta con mirin e aceto di riso. Una pasta sushi, o un sushi ripensato in chiave di pasta, che dir si voglia.

IMG_5426

Pasta sushi


Utilizzando come contenitore un conchiglione, lo ha farcito via via con inconsueti abbinamenti: mozzarella e mousseline di ricci, scampo crudo e wasabi, alici e basilico, salmone e ganache di foie gras, dentice e caponata thai, polpo e pomodorino. Infine ha disposto il tutto in un espositore verticale, creando un “Empire Pasta Sushi”! Spettacolare.

IMG_5404
IMG_5499

Empire Pasta Sushi


Siamo poi passati all’assaggio della “Zuppizza”, un piatto del 1999 che combina insieme pomodori confit, spremitura di mozzarella, acciuga, cialda di pane, emulsione di basilico e olio piccante al peperoncino.

IMG_5506
IMG_5453

Zuppizza

IMG_5521

Zuppizza


Ma l’estroso Scabin non si è fermato qui! Ha realizzato due piatti con spaghetti già cotti e messi sottovuoto, ravvivati al momento in acqua bollente: “Spaghetti pizza margherita”, ovviamente con mozzarella, pomodoro e basilico, e “Black is black”, una carbonara al nero di seppia condita con vodka, olio extravergine d’oliva e caviale di tartufo nero.

IMG_5545
IMG_5554

Spaghetti pizza margherita

IMG_5567

Black is black


È poi stato il turno del risotto, anch’esso messo sottovuoto, ma dopo un particolare processo di macerazione del riso crudo freddo nell’olio tiepido, poi sgocciolato e cucinato come un risotto classico.
Il risotto è stato preparato allo zafferano con straccetti di burrata e salsa al tartufo nero, alla parmigiana con crema di piselli, erbe spontanee di campo e asparagi selvatici e infine come omaggio a Paestum sotto forma di “Rizza” (pizza di risotto) con friarielli, salsiccia, mozzarella e foie gras. Assistente d’eccezione di Scabin è stato lo chef stellato Vitantonio Lombardo del ristorante Locanda Severino di Caggiano (Salerno).

IMG_5573
IMG_5598

Risotto allo zafferano con burrata e salsa al tartufo nero

IMG_5709

Risotto con crema di piselli, erbe spontanee di campo e asparagi selvatici

IMG_5668IMG_5671
IMG_5678

Vitantonio Lombardo

IMG_5681
IMG_5718

Rizza


La giornata è stata pienissima e appagante, e il mio stomaco ringrazia ancora una volta gli chef per la bellissima esperienza.

Di seguito una panoramica di immagini degli espositori presenti alla manifestazione:

collage-casa-barone

I prodotti di casa Barone

collage-conciato-romano

Il conciato romano dell’azienda agrituristica Le Campestre

IMG_4882

La farina Petra del Molino Quaglia

collage-santomiele

I prodotti dell’azienda Santomiele

collage-vino-01collage-vino-02
IMG_5278

Le alici di Cetara

IMG_5277

Il pane di Matera

IMG_5382
collage-birre

Le birre artigianali

collage-dolci

I dolci del pasticcere Pietro Macellaro

Print Friendly

You may also like...

1 Response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!