’O SFIZIO D’‘A NOTIZIA, PIZZE FRITTE E BOLLICINE

'O SFIZIO
Enzo Coccia uno, bino e trino!

Dopo le due (a ragion veduta) ultra-premiate PizzArie di Via Caravaggio a Napoli, entrambe battezzate La Notizia in omaggio al film Quarto Potere di Orson Welles, è arrivata la terza creatura dell’inarrestabile maestro partenopeo, ’O Sfizio d’‘a Notizia, giusto di fianco all’ingresso dell’insegna storica.

Un format nuovissimo voluto e ideato dallo stesso Enzo, che ne ha curato ogni dettaglio con attenzione meticolosa.

L’inaugurazione riservata alla stampa di lunedì 21 marzo ha dissipato tutti i misteri.

image

Enzo Coccia

image
Il locale, realizzato dal cognato architetto di Coccia su indicazioni precise dello stesso Enzo, coniuga armoniosamente trasparenze, legno e pietra.
L’intento è quello di far coesistere due aree con diverse destinazioni d’uso: il grande bancone centrale è riservato agli aperitivi, mentre i tavolini disseminati tutt’intorno sono dedicati alle degustazioni più sostanziose.

IMG_8219
La proposta enogastronomica? Pizze fritte, mpustarelle e bollicine!

Un’offerta complementare a quella solita dell’artigiano pizzajuolo Coccia, per quello che può essere considerato un pit stop prima della cena in pizzeria, ma anche una sosta a sé stante, breve o lunga a seconda delle preferenze.

Chi conosce Coccia sa bene che il menu non poteva limitarsi ai terreni già noti; ecco dunque comparire – accanto alle montanare e alle pizze fritte tradizionali – ricette originali, stagionali e creative, ovvero “Le idee di Enzo”. Condimenti e farciture di assoluto valore, come sempre in casa Coccia. Tra gli ingredienti, peperoni imbottiti e parmigiana di melanzane di Mimì alla Ferrovia.

A dirigere la brigata, Eduardo Ore, il brillante pizzaiolo già da tempo collaboratore del gruppo Pizza Consulting di Coccia.

IMG_8257

Eduardo Ore

image

Enzo Coccia e Eduardo Ore


Anche la metodologia di cottura gioca un ruolo fondamentale, e così il vecchio fucone (il padellone per la frittura) ha lasciato il posto a un modernissimo sistema gestito da computer, sviluppato da Stefano Ferrara.

imageIMG_8282image
Noi abbiamo assaggiato Montanara con pesto alla genovese, stracciata di bufala e pinoli tostati, e Pizza fritta Primavera con fior di latte, zucchine e lardo di Colonnata.

IMG_8290

Montanara con pesto alla genovese, stracciata di bufala e pinoli tostati

IMG_8297

Pizza fritta

IMG_8301

IMG_8304

Pizza fritta Primavera: fior di latte, zucchine e lardo di Colonnata


Nuova ma al contempo antica la Mpustarella, la “merenda dei poverelli” resa attuale da un pane straordinario realizzato in collaborazione con Massimiliano Malafronte (del panificio omonimo di Gragnano, di cui abbiamo parlato qui).
Una ciabatta croccantissima il cui impasto ad alta idratazione è preparato con un mix di farine speciali del Molino Dallagiovanna, partner del progetto.
La mpustarella è ultimata in forno a gas, anch’esso del maestro Ferrara.

image

La consulente enogastronomica Laura Gambacorta, Enzo Coccia, Eduardo Ore e Massimiliano Malafronte

image

Preparazione delle mpustarelle

imageimageIMG_8356IMG_8359
Due le varianti in degustazione per la serata inaugurale: con provola di bufala, mortadella e pesto di pistacchio, e con provola, salsiccia di bufala, funghi arrostiti e crema di zucca.

image

Mpustarella con con provola di bufala, mortadella e pesto di pistacchio

image

Mpustarella con provola, salsiccia di bufala, funghi arrostiti e crema di zucca


In formato monoporzione i dessert, a cura del pasticcere Salvatore Capparelli.

L’opera non poteva definirsi completa senza un comparto beverage di pari livello. E qui, sono scesi in campo due consulenti d’eccezione, Tommaso Luongo, sommelier e delegato Associazione Italiana Sommelier di Napoli, e Gennaro Iorio, chef de cave dell’Hotel de Paris di Montecarlo.

image

Enzo Coccia, Pierluigi Dallagiovanna e Tommaso Luongo


L’offering è interamente basato su bollicine e effervescenze, con due liste separate: referenze italiane per quella dedicata agli aperitivi (dal Gragnano al Franciacorta), etichette francesi (Champagne e Crémant) per la carta “CO2 ovvero Coccia 2”.

Presenti anche le birre Menabrea alla spina.

IMG_8284IMG_8289
In buona sostanza, ’O Sfizio è una partitura messa in piedi da un cast all star!

Qui i concetti di miseria e nobiltà si fondono, per dare vita a qualcosa di unico, stuzzicante e per tutte le tasche.

’O Sfizio è aperto ogni sera tranne il lunedì, a partire dalle 19.


’O Sfizio d’‘a Notizia
Via Michelangelo da Caravaggio, 49/51 – Napoli
tel. 081/7148325
Aperto solo la sera – Chiuso il lunedì

Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!