QUATTRO LASAGNE IN CERCA D’AUTORE (E UNA RICETTA)

IMG_7809

Eccomi di nuovo. Dopo l’autopromozione, arriva l’autorecensione.
Non perché me la voglia cantare e suonare da sola. Ma questo è il mio blog, il mio diario, lo spazio in cui racchiudo le mie incursioni e le mie avventure. Perciò mi sembra appropriato raccontare un avvenimento felice che mi ha visto coinvolta in prima persona.
Non scrivo per apparire. Scrivo perché non posso fare altrimenti, come ha già detto qualcuno.

L’antefatto ve l’ho già riferito: due gioviali organizzatori di eventi assoldano quattro frequentatori seriali di manifestazioni enogastronomiche per una mega lasagnata in allegria.

locandina-lasagna-s
IMG_7828

Laura Gambacorta

IMG_7916

Giustino Catalano


E così arriviamo alla serata del primo febbraio.

Dopo due settimane di prove, consulti, scoramenti e ansie varie (“Che sfoglie usi?” “Quanti litri di latte?” e via discorrendo), Lidia, Luciano, Simonetta ed io giungiamo al Quartum Store carichi di emozione ma anche di entusiasmo. Qualche momento di panico, un po’ di lotta con il forno, un pizzico di indecisione su come impiattare, ma grazie all’aiuto dello staff del locale e a una buona dose di sana incoscienza ci lanciamo nell’impresa.
Più di sessanta bocche da sfamare e riflettori puntati, mica roba da poco.

Luciano è il primo ad andare in scena, con la sua Stratigrafia molecolare di mare, ovvero una Lasagna bianca con spuma di baccalà mantecato al timo lime, seppioline a julienne saltate, souté di vongole e cozze e filetto di persico all’erba cipollina. Il tutto chiuso con uno strato di pasta “raviolata” alla lecitina di soia (senza uova, dallo spessore di meno di mezzo millimetro) ripieno di gamberoni al whisky e timo lime, e con guarnizione di cialda di mitili.
Solo per farmi scrivere da lui tutti gli ingredienti ho dovuto penare, figuriamoci il lavoraccio che c’è stato dietro…
Ma il nostro bioingegnere non si è mai perso d’animo, ed è arrivato addirittura a fare le porzioni col centimetro alla mano! Più precisi di così…

La Lasagna di mare è stata abbinata all’Asprinio d’Aversa spumante delle Cantine Di Criscio.

IMG_7868

Lasagna molecolare di mare


Seconda in ordine di apparizione, Lidia, con la sua Lasagna farcita con zucca, briciole di salsiccia e provola di Agerola; un piatto nato dall’esigenza di far mangiare della verdura ai suoi tre bambini (impresa non sempre facile per una mamma!).
Lidia ha personalmente guarnito ogni suo piatto con amaretti sbriciolati e stecchini di bambù.

IMG_7869

Lasagna con zucca e salsiccia


Terza portata, la mia Lasagna con besciamella, broccoli, salsiccia e scamorza di Sorrento.
Una scelta dettata dalla voglia di presentare un piatto con un ingrediente prettamente stagionale, i broccoli baresi, la cui preparazione (lavare, tagliare, sbollentare e soffriggere) è proprio la parte più laboriosa della ricetta!

IMG_7878

Lasagna con broccoli e salsiccia


Quarta ed ultima presentazione, la Lasagna classica napoletana di Simonetta, con sfoglia riccia, ragù e polpettine di carne mista fatte a mano.

IMG_7901

Lasagna classica napoletana


Le tre lasagne a base di carne sono state abbinate all’Aglianico Campania Igt Barrique di Cantine Di Criscio.

Ad addolcire i palati ci hanno pensato le originali creazioni del maestro pasticcere Pietro Macellaro della “Pasticceria Agricola Cilentana” di Piaggine (Salerno), ben tre differenti dessert: il semifreddo “Malaga” con ricotta di bufala e uvetta, la Colomba con agrumi, melanzane e peperoni canditi e il Panbrigante, antico pane cilentano con frutta secca.

Gli ingredienti utilizzati dal maestro Macellaro sono coltivati nei suoi frutteti aziendali con tecniche biologiche.

IMG_7982

Laura Gambacorta, Pietro Macellaro e Giustino Catalano

IMG_8014

Semifreddo Malaga

IMG_8024

Colomba con melanzane e peperoni canditi

IMG_8012

Panbrigante


Per accompagnare i dolci, le Cantine Di Criscio hanno proposto la loro grappa da monovitigno di falanghina, ritornata in produzione dopo due anni di pausa.

IMG_7817

Grappa di Falanghina

IMG_7829

Francesca Di Criscio


Una bellissima esperienza per noi “chef per una sera”, resa ancora più bella dall’aver condiviso tutto insieme.
Grazie a Laura, Giustino e alla famiglia Di Criscio per aver riposto fiducia in noi!

panoramica

Lidia, Luciano, Daniela, Simonetta, Laura e Giustino


Quartum Store – Cantine Di Criscio
Via Giorgio De Falco, 5/A – Quarto, Napoli
tel. 081/8765942

Pietro Macellaro – Pasticceria Agricola Cilentana
Via Madonna delle Grazie, 28 – Piaggine, Salerno
tel. 328/6188973


E giacché siamo in odore di Carnevale, riporto la ricetta della mia lasagna per chi volesse cimentarsi nella preparazione.
 
LASAGNA CON BESCIAMELLA, BROCCOLI E SALSICCIA
Ingredienti per una teglia da 8 porzioni:
250 g circa di sfoglie da lasagna
Besciamella preparata con 1 litro di latte intero, 90 g burro, 90 g farina, sale e noce moscata
1 kg di broccoli baresi
3 salsicce
200 g scamorza affumicata, da tagliare a cubetti
50 g parmigiano grattugiato
Olio extravergine d’oliva
1 spicchio d’aglio
 
Per praticità d’uso, ho utilizzato le sfoglie all’uovo che non richiedono pre-cottura, ma naturalmente possono essere sostituite a piacere con quelle da bollire, confezionate o fatte in casa.

Per questo piatto è necessario preparare una besciamella abbastanza fluida, per consentire alle sfoglie di idratarsi bene.

Occorre lavare e tagliare i broccoli a cimette piccole e poi cuocerli in acqua bollente salata per una decina di minuti.
Dopo averli scolati, soffriggere i broccoli in padella con olio, aglio e, volendo, un po’ di peperoncino. Trascorso qualche minuto, aggiungere nella stessa padella le salsicce spellate e sbriciolate, fino a quando saranno cotte.
Correggere con sale e pepe secondo il proprio gusto.

E ora, l’assemblaggio. Disporre sul fondo della teglia un po’ di besciamella, poi procedere alternando strati di sfoglie, besciamella, il composto di broccoli e salsicce, la scamorza a cubetti e il parmigiano grattugiato. Concludere con un ultimo strato di besciamella e parmigiano.

Cuocere in forno già caldo a 200-220° gradi, coprendo la teglia con carta alluminio per i primi 20 minuti, e proseguendo la cottura senza copertura per circa altri 15 minuti, fino a colorazione della lasagna.

IMG_7804

In preparazione…

IMG_7805

Lasagna finita

 
Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!