SERATA A 8 MANI

sole
Poker d’assi? No, scala reale! Metti quattro maestri della pizza come Enzo Coccia, Franco Pepe, Attilio Bachetti e Gino Sorbillo insieme a una fuoriclasse come Laura Gambacorta e la combinazione è la massima possibile.

Si è concluso così con un finale scoppiettante il ciclo di appuntamenti dedicati al film Il Sole nel piatto (resoconto della prima serata qui), con un evento più unico che raro che ha visto alternarsi al forno quattro tra i più autorevoli pizzaioli campani. Un “fuori programma” a otto mani scaturito dalle numerosissime richieste di coloro che non erano riusciti a trovare posto nelle tre serate previste.

IMG_3885

Otto mani in azione


La sede designata per l’incontro è stata ancora una volta la PizzAria La Notizia di via Caravaggio, che anche in questa occasione ha fatto registrare il pienone!

Il padrone di casa Enzo Coccia ci ha accolti con un gustoso benvenuto a base di “murzilli” farciti con ricotta, speck e fiori di zucca, accompagnati da un Asprinio d’Aversa doc brut dell’azienda vinicola Grotta del Sole.

IMG_3946

Enzo Coccia


Dopo la proiezione del film documentario, Laura Gambacorta ha introdotto al pubblico suo fratello Roberto (al quale i quattro maestri pizzaioli hanno donato un’opera di marmo di Francesco Di Mare), produttore della pellicola per Rio Film. I due hanno sottolineato che il film non ha beneficiato di alcun finanziamento istituzionale ma è stato girato con i soli contributi degli sponsor e delle aziende coinvolte nel progetto, e che grazie all’ottimo riscontro degli spettatori è stato possibile investire nella realizzazione dei sottotitoli in inglese e spedire il film in visione negli Stati Uniti, per la precisione a Reno (Nevada).

Inoltre Laura Gambacorta ha voluto ringraziare gli sponsor Molino Caputo, casa Barone, Ferrarelle, AIS Napoli e i presidenti delle due associazioni di categoria, Sergio Miccù per l’Associazione Pizzaiuoli Napoletani e Antonio Pace per l’Associazione Verace Pizza Napoletana.

IMG_3927

Roberto e Laura Gambacorta

IMG_3964

IMG_3987

Laura Gambacorta e Antonio Pace


Ad aprire le danze Franco Pepe, con la sua sintesi di entroterra e mare: una pizza dall’impasto eseguito a braccia, con lievito madre, condita con olive caiazzane, mozzarella di bufala del caseificio Il Casolare, origano dell’azienda agricola Le Campestre, acciughe di Cetara, pomodorini del piennolo del Vesuvio e olio anch’esso rigorosamente caiazzano.

IMG_4021

Franco Pepe

IMG_4079IMG_4103IMG_4101IMG_4121IMG_4132IMG_3899
È stata poi la volta di Gino Sorbillo, che ha portato un tocco di estro: una pizza semifredda, sulla cui base calda ricoperta da passata di pomodoro di Gragnano e fior di latte misto bufala dell’alto casertano ha aggiunto a freddo formaggio e ricotta di pecora, pepe nero, olio extravergine dell’azienda agricola Le Peracciole di Alfonso Iaccarino e basilico fresco sminuzzato al momento. Il creativo Gino ha presentato anche una originale pizza al caffè: una base di pasta bianca con fior di latte misto bufala sulla quale ha apposto una crema fredda di ricotta di bufala variegata al caffè Carbonelli (tostato con legna di quercia).

IMG_4238

Gino Sorbillo

IMG_4153IMG_4161IMG_4179IMG_4233IMG_4202IMG_4235IMG_4255
Terzo in ordine di apparizione, Attilio Bachetti, che ha deliziato gli ospiti con la sua caratteristica pizza dal cornicione ripieno di ricotta, condita con fior di latte, pomodorini del piennolo, funghi porcini e pecorino romano.

IMG_3919

Attilio Bachetti

IMG_4205IMG_4286IMG_4296IMG_4300IMG_4311IMG_4281IMG_4317
In abbinamento alle pizze, sono stati serviti il Gragnano e il Lettere doc Grotta del Sole, vini rossi tipici della tradizione napoletana.

Il momento dolce della serata è stato affidato ad Anna Chiavazzo, chef pasticcera di Casapulla titolare de Il Giardino di Ginevra, la quale, ispirandosi al film e ai suoi protagonisti, ha ideato il dessert “Helios” (sole in greco), con l’intento di tributare un omaggio sia al territorio campano che ai quattro maestri pizzaioli.
Con un gioco di analogie, ha associato gli ingredienti principali del dolce ad ognuno dei maestri: il pomodoro, corrispondente al napoletano verace Enzo Coccia; la ricotta, espressione del territorio casertano, correlata al caiazzano Franco Pepe; la crêpe, confacente ad Attilio Bachetti per la sua bravura nel trasformare la pasta, ed infine il caramello (ottenuto da rosolio di basilico), consono a Gino Sorbillo per il suo essere frizzante e innovativo. La guarnizione sulla cima del dessert, una fogliolina di basilico, stava a simboleggiare la freschezza di Laura Gambacorta.
Il dolce è stato accompagnato da un’altra creazione di Anna Chiavazzo: il rosolio “Seta nera”,  ricavato da un’infusione di spezie in una base di vino aglianico.

IMG_4329

Anna Chiavazzo

IMG_4380IMG_4365IMG_4390
Prossimamente i quattro maestri pizzaioli saranno impegnati a impartire lezioni di pizza alle detenute del carcere femminile di Pozzuoli.

Sarà inoltre possibile ritrovare Enzo Coccia e Franco Pepe il 7 maggio all’incontro dal tema “In viaggio con la Pizza” moderato da Laura Gambacorta, nell’ambito della manifestazione Le Strade della Mozzarella presso la TenutaCapodifiume Ristorante Le Trabe di Capaccio-Paestum (Salerno).

IMG_4313
Riferimenti utili:

Pizzeria Gino Sorbillo
Via dei Tribunali, 32 – Napoli
tel. 081/446643
http://www.accademiadellapizza.it

Pizzeria Trattoria da Attilio
Via Pignasecca, 17 – Napoli
tel. 081/5520479

Cantine Grotta del Sole
Via Spinelli – Quarto, Napoli
tel. 081/8762566
www.grottadelsole.it

Il Giardino di Ginevra
Via G. Stroffolini, 31 – Casapulla, Caserta
tel. 0823/1703137

Salva

Print Friendly

You may also like...

1 Response

  1. Roberto Susta scrive:

    Bellissimo evento sarebbe bello ripeterlo in ogni pizzeria, :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!