UN ESTATICO NATALE DA SORRENTINO VINI

un-estatico-natale
L’Azienda Vinicola Sorrentino è una realtà vesuviana impegnata da generazioni nelle attività agricole (coltivazione di viti, produzione di vini e di oli), e da molti anni altrettanto attenta all’enoturismo e all’ospitalità attraverso visite guidate, degustazioni di vini e di piatti tipici locali (la nostra visita qui).
Alle redini ci sono i tre giovani eredi della famiglia Sorrentino: Giuseppe (commerciale), Benny (enologa) e Maria Paola, presidente del Movimento Turismo del Vino Campania da agosto 2016.

Domenica 11 dicembre i Sorrentino hanno organizzato – in collaborazione con la giornalista Laura Gambacorta – un pranzo ispirato all’atmosfera festiva pre-natalizia. Per l’occasione, ai fornelli dell’efficiente cucina aziendale uno chef giovane ma di grande esperienza, il partenopeo Eduardo Estatico, executive del JKitchen di Capri. Da qui il nome dell’evento Un Estatico Natale.

img_0094

Benny Sorrentino, Laura Gambacorta e Giuseppe Sorrentino

img_0101

Maria Paola Sorrentino

img_0258

Eduardo Estatico e Laura Gambacorta


La cucina di Estatico ha le sue radici nella tradizione napoletana, ma è sempre contraddistinta da eleganza e da un immancabile tocco creativo.

img_0124
Partenza con un amuse-bouche, Scapece di zucca lunga napoletana, nocciola e gelatina allo zafferano di Pietravairano.
Un piccolo boccone altamente cromatico, omaggiante i prodotti campani.

img_0049img_0053

img_0058

Scapece di zucca lunga napoletana, nocciola e zafferano


Il brindisi iniziale non poteva che essere con le bollicine della casa, Dòrè Spumante Lacryma Christi DOC, 80% Coda di Volpe e 20% Falanghina.

dore
A seguire “Come un carciofo arrostito…”, illusione per un carciofo in realtà cotto al vapore ma richiamante i sentori della brace e celante all’interno una polpettina di carne.

img_0116

Come un carciofo arrostito…


Sul campo, abbiamo appurato che l’abbinamento più convincente è risultato quello con Catalò, 100% catalanesca, piuttosto che con il previsto Vigna Lapillo Bianco 2014.

vigna-lapillo-biancocataloimg_0102
Amaro, affumicato e acido il Riso di semola «Pastificio Gentile» con cavolo nero, aringa affumicata, mozzarella di bufala e limone di Sorrento, senza burro né altri grassi, abbinato al Coda di Volpe Natì 2011.

img_0121

img_0165

Riso di semola «Pastificio Gentile», cavolo nero, aringa affumicata, mozzarella di bufala e limone di Sorrento

nati
Il Baccalà «Lofoten» in olio cottura ha trovato nell’“evoluzione di insalata di rinforzo” – un insieme di ortaggi e acciughe su crema di cavolfiore e riduzione di aceto – un accompagnamento croccante e sgrassante al contempo.
Fruttato e armonico il Vigna Lapillo Rosato 2011 (80 % Piedirosso e 20 % Aglianico) associato al piatto.

img_0211

Baccalà «Lofoten» in olio cottura, evoluzione di insalata di rinforzo

vigna-lapillo-rosato
Decisamente felice anche la parte dedicata ai dessert.

I classici Struffoli napoletani – croccanti a regola d’arte – sono stati presentati in una veste inedita, con una crema al mandarino. Un connubio che si è rivelato perfetto.

img_0231

Struffoli al profumo di mandarino


Trasformazione più radicale nel dolce finale “Tu sì…nù…roccocò”: la solitamente coriacea ciambella speziata partenopea è diventata un dolce al cucchiaio, una mousse glassata con cioccolato bianco e infine nebulizzata con cioccolato temperato.

I dolci sono stati abbinati al Passito Igt Pompeiano Fior di Ginestre.

img_0269

Tu sì…nù…roccocò


Partner dell’evento, Pastificio Gentile, Villeroy e Boch, Broggi e Lofoten.

img_0099img_0055

Azienda Vinicola Sorrentino
Via Casciello, 5 – Boscotrecase, Napoli
tel. 081/8584963
www.sorrentinovini.com  

Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!