VENDEMMIAMO LA CATALANESCA

vendemmiamo
Ma quanto è bello vendemmiare??? Avete mai provato la sensazione di raccogliere grappoli d’uva con le vostre mani direttamente da filari di viti, ammirare il colore degli acini baciati dal sole, sentirne la consistenza piena e soda, annusarne il profumo inebriante?
Aggiungete musica, arte, cibo, auto d’epoca e naturalmente degustazione di buon vino per avere il quadro completo della bella giornata trascorsa sabato 6 ottobre presso l’azienda vitivinicola Cantine Olivella, che ha organizzato l’evento Vendemmiamo la Catalanesca, giunto alla sua quinta edizione.

MG_2100

MG_2106

Ciro Giordano, Cantine Olivella

MG_2109

Angela Giordano, Cantine Olivella

MG_2260
I vigneti aziendali si trovano nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio, a ridosso del Monte Somma. La Catalanesca, protagonista della vendemmia, è un’uva – introdotta in questo territorio dalla Catalogna, nel XV secolo, da Alfonso I d’Aragona – con la quale Cantine Olivella produce un vino al 100% da vitigno di questa varietà: Katà, il fiore all’occhiello dell’azienda, catalanesca in purezza che racchiude sentori vesuviani.

MG_2092
Gli altri vitigni dell’azienda sono il piedirosso, il caprettone, l’aglianico e l’olivella.
Dalla catalanesca deriva anche un elegante passito, VO Passito di Catalanesca IGT pompeiano Bianco.

MG_2089MG_2090
L’accoglienza riservata al pubblico di appassionati giunti qui di buon mattino è stata delle migliori: sorridenti fanciulle in costumi d’epoca aragonese hanno offerto fette di torta per una prima colazione corroborante, in vista delle imminenti fatiche.

MG_2094MG_2085MG_2111
Dopo aver indossato T-shirt e guanti protettivi, tutti al lavoro, grandi e piccini!
Un raccolto particolarmente fruttuoso, a detta dello staff aziendale, segno evidente di grande divertimento da parte di tutti i partecipanti.

MG_2119MG_2091MG_2175MG_2217MG_2160MG_2234MG_2249
Successivamente alla vendemmia, qualche momento dedicato alla musica con i canti del gruppo folcloristico Napoli Extra Comunitaria, ai saluti dei soci di Cantine Olivella e del dottor Carmine Esposito, sindaco del comune di Sant’Anastasia, alla presentazione dell’artista Carla Viparelli (che ha messo qui in mostra alcune delle sue opere ispirate al vulcano) e delle altre aziende che hanno collaborato all’evento: il Pastificio Grania, produttore della pasta artigianale Le Gemme del Vesuvio trafilata al bronzo, utilizzata per i piatti di questa giornata; la Distilleria Amato, che, tra le altre cose, produce grappa da monovitigno catalanesca  (le cui vinacce sono fornite proprio da Cantine Olivella); il Tour Operator Andiamo Fuori, specializzato in creazione e sviluppo di pacchetti turistici con veicoli d’epoca, che per questo appuntamento ha esposto una storica Fiat 500.

MG_2327

Il gruppo Napoli Extra Comunitaria

MG_2342

Carmine Esposito, sindaco di Sant’Anastasia

MG_2345

L’artista Carla Viparelli

MG_2272

Una delle opere di Carla Viparelli

MG_2347

MG_2264

Le Gemme del Vesuvio

MG_2281

Distilleria Amato

MG_2356

Andiamo Fuori


La parte mangereccia è stata affidata alle sapienti mani della mitica Angelina Ceriello del ristorante ‘E Curti di Sant’Anastasia, che ha da poco tagliato il traguardo di 60 anni trascorsi – mirabilmente, aggiungiamo – in cucina!
Dopo l’assaggio di bruschette col pomodorino del piennolo dop, olive vesuviane ed altri gustosi prodotti locali, è stato il turno di due piatti simbolo della signora Angelina: Penne rigate con sugo di agnello e “’O sicchie r’a munnezza”, un piatto di recupero tipico del periodo natalizio, che in tempi remoti veniva preparato con i rimasugli del cenone della Vigilia (vedere qui).

MG_2314

Angelina Ceriello

MG_2309

Il sugo d’agnello

MG_2359MG_2360MG_2366
Il tutto è stato accompagnato dai vini di Cantine Olivella: oltre a Katà, Emblema (Caprettone in purezza Vesuvio DOC Bianco), Vipt (Piedirosso in purezza Vesuvio DOC rosso), Lacrimabianco (Lacryma Christi Bianco DOC) e Lacrimanero (Lacryma Christi Rosso DOC); le degustazioni sono state eseguite con la collaborazione della delegazione AIS Comuni Vesuviani.

MG_2320

MG_2405

La sommelier Liliana Pagano


Avevo già assaporato il Katà in questa occasione e ne ero rimasta affascinata; dopo l’esperienza vignaiola ne sono definitivamente conquistata!

MG_2412MG_2323

Riferimenti utili:

Cantine Olivella
Via Zazzera, 14 – Sant’Anastasia, Napoli
tel. 081/5311388

Le Gemme del Vesuvio – Grania s.r.l.
Via Padula, 48/50 – Castello di Cisterna, Napoli
tel. 081/8841999
www.legemmedelvesuvio.com

Distilleria Amato
Via Croce Rossa, 108 – San Giuseppe Vesuviano, Napoli
tel. 081/8271754
www.amato1881.it

Andiamo Fuori
Via Mattia Coppola, 42 – Giugliano in Campania, Napoli
tel. 081/8945756
www.andiamofuori.it

Print Friendly

You may also like...

2 Responses

  1. Anonymous scrive:

    L’atmosfera che si respira in queste occasioni è unica…Volti sorridenti, sereni, anche i bambini partecipavano con allegria. La natura ci offre tanti spunti per viverla e le tue foto sono fatte proprio con gli occhi di chi ama la sua bellezza. Antonella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!