ALL’ASSAGGIO DI… PARMA

All-27assaggio-di-Parma
Seconda tappa del viaggio on the road 2013, l’Emilia Romagna.
Per testare alcune delle più famose specialità regionali da passeggio, abbiamo fatto sosta a Rimini, città nota per la preparazione della tradizionale piadina.

Qui la regina di questo prodotto tipico è la Lella, romagnola verace la cui bottega attira golosi da ogni dove. Piade e cassoni (sfoglie imbottite, ripiegate e chiuse) sempre freschi realizzati secondo la ricetta classica e farciti con ingredienti di qualità, come i “soliti” squacquerone, rucola e prosciutto crudo, ma anche con un’ottima salsiccia di produttori locali. Inoltre le piadine sono in vendita confezionate, da scaldare a casa, disponibili anche nelle versioni con farina integrale, al farro e ai cereali.

La cordialissima Lella non lesina consigli e suggerimenti per una degustazione ottimale, ed è davvero piacevole starsene seduti lì nell’area esterna, sotto agli ombrelloni, a godersi la frescura del viale frondoso mangiando con gusto piadine farcite.

IMG_8814

IMG_8815

Lella – Piada e Cassoni, Rimini

IMG_8817IMG_8823IMG_8824IMG_8837IMG_8839IMG_8840IMG_8812IMG_8804IMG_88271
Altro punto di richiamo gastronomico a Rimini è la pasticceria Rinaldini. In questo locale dallo stile accattivante sbrilluccicano coloratissimi dolcetti e macaRAL (l’interpretazione personale del pâtissier Roberto Rinaldini dei francesi macarons), creazioni originali come cabine da spiaggia in pasta frolla e anelli di zucchero soffiato, lievitati piccoli e grandi (panettoni in versione Summer edition), zuccheri aromatizzati, caramelline confettate e gelatine alla frutta maison.

IMG_8857

Rinaldini, Rimini

IMG_8846

IMG_8842

Éclair al caramello


Siamo poi approdati a Parma, città ricca di tradizioni culturali e musicali, capoluogo d’arte caratterizzato dallo stile romanico, nonché centro celebre per i suoi tanti prodotti enogastronomici d’eccellenza: principalmente per i salumi, come il Prosciutto di Parma, il Salame di Felino, il Culatello di Zibello, la Spalla Cotta di San Secondo, la Coppa di Parma, la Spalla cruda, la Culaccia, lo Strolghino, la Mariola, la Cicciolata, ma anche per il Parmigiano-Reggiano, il Fungo di Borgotaro, il Tartufo nero di Fragno ed i pomodori da conserva.

IMG_8865

Vescovado, Parma

IMG_8869

Cattedrale, Parma

IMG_8859IMG_8860IMG_8871
Un assaggio di salumi nel loro luogo di produzione era pertanto un obbligo imprescindibile!

Meta preferenziale per visita e degustazione di salumi eccellenti è senza dubbio l’Antica Corte Pallavicina a Polesine Parmense.

IMG_8962

IMG_8893

Antica Corte Pallavicina, Polesine Parmense

IMG_8957IMG_8953IMG_8952IMG_8896
Qui la famiglia Spigaroli (guidata dallo chef Massimo) realizza prodotti di alta salumeria grazie a tecniche di lunga data, al particolare clima del territorio, alla stagionatura naturale nelle antiche cantine risalenti al 1320 che non necessita di condizionamento artificiale dell’aria e ovviamente alla prelibatezza dei maiali utilizzati, tra i quali quelli di razza autoctona Nera Parmigiana.

La visita guidata alle storiche cantine solletica l’olfatto in modo incredibile! Dappertutto pendono i Culatelli di Zibello, prodotti Dop dalla lunga stagionatura, insaccati in vescica di suino. Una vera eccellenza, richiesta da tantissimi ristoratori e personaggi di fama mondiale.

IMG_8899

Culatelli di Zibello

IMG_8901 IMG_8903IMG_8906
L’azienda inoltre approfitta dei benefici apportati dalle cantine per mettervi a stagionare anche grosse forme di Parmigiano-Reggiano, acquistate a 12 mesi di invecchiamento, che continuano qui la loro maturazione.

IMG_8910IMG_8914IMG_8917
Dopo il giro esplorativo, la degustazione di prodotti di bontà incomparabile, tutti di produzione propria, sotto un pergolato d’uva e con la compagnia dello chef che si aggirava nel cortile: Strolghino di Culatello (salame realizzato con la carne di rifilatura proveniente dalla coscia del suino dopo aver fatto il Culatello di Zibello), coppa, pancetta, lardo, culatello, Parmigiano-Reggiano, un bicchiere di Fortana del Taro (vitigno autoctono della Bassa Parmense) e torta sbrisolona.

L’azienda include un Relais e il ristorante “Al Cavallino bianco”, insignito di una stella Michelin.

IMG_8918IMG_8922IMG_8935

IMG_8923

Culatello di Zibello

IMG_8939

Parmigiano-Reggiano

IMG_8942

Sbrisolona


Il viaggio tra Parma e Polesine offre il caratteristico paesaggio spianato della Pianura Padana, con tanti campi di pomodori e di zucche ad allietare lo sguardo.

Non paghi di salumi di alto rango, abbiamo affrontato altre deliziose degustazioni al Tabarro, wine bar e posto di ristoro nel centro storico della città di Parma.

Seduti intorno a una botte, con un bicchiere di buon vino tra le mani, ci siamo fatti conquistare da prosciutto crudo stagionato 36 mesi tagliato al coltello, prosciutto cotto artigianale, salami e tanti ottimi formaggi.

IMG_8875

Tabarro, Parma

IMG_8888IMG_8874IMG_8889IMG_8890IMG_8891
Piatti tipici del Parmense sono gli Anolini (pasta fresca all’uovo ripiena, servita in brodo di carne), la Torta fritta (strisce di pasta fritta che si accompagnano con i salumi) e la Spongata di Busseto (dolce dalla morbida farcitura di frutta secca e candita); purtroppo non siamo riusciti ad assaggiarne nessuno.

Parte della tradizione gastronomica cittadina sono anche la carne di cavallo e di piccione; molto diffuso è il pesto, cioè carne equina cruda tritata e macinata, mentre i piccioni novelli vengono utilizzati per realizzare la bomba di riso.

Uno spuntino sfizioso può essere consumato presso la paninoteca Frank Focaccia. Gustose focaccine farcite preparate al momento e una discreta selezione di birre soddisfano il palato e l’ugola. Specialità della casa, la focaccina Frank con salsiccia, formaggio e spinaci.

IMG_8965

Focaccine – Frank Focaccia, Parma

IMG_8972IMG_8964
Il fiore simbolo della città di Parma è la violetta, utilizzata nell’industria profumiera per la famosa essenza e nell’industria dolciaria per la produzione delle violette candite (uno dei souvenir golosi che ho portato con me a Napoli, acquistato presso La Drogheria, una deliziosa bottega di golosità).

Per chi desiderasse una full immersion nei prodotti del Parmense, ci sono i Musei del Cibo della Provincia di Parma: il Museo del Parmigiano Reggiano a Soragna, il Museo del Pomodoro a Collecchio, il Museo del Prosciutto e dei salumi di Parma a Langhirano e il Museo del Salame a Felino.

Il nostro viaggio prosegue… Non perdete la terza tappa!  

 
 
Lella Piada e Cassoni
Viale Rimembranze, 74/A – Rimini
tel. 0541/389460
 
Rinaldini
Piazza Mazzini,32 – Rimini
tel. 0541/1833631
Tabarro
Strada Farini, 5/b – Parma
tel. 0521/200223
 
Frank Focaccia
Piazzale San Lorenzo, 19/A – Parma
tel. 0521/237970
 
La Drogheria
Vicolo dell’Assistenza, 6 – Parma
tel. 0521/508896
 
Antica Corte Pallavicina
Strada del Palazzo Due Torri, 3 – Polesine Parmense, Parma
tel. 0524/936539
Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!