EVVIVA LA MOZZARELLA! LE RICETTE DI ROSANNA MARZIALE

9-ottobre-p

Mozzarella, libri, chef e scuola di cucina: impossibile resistere al richiamo di un simile appuntamento!

Mercoledì 9 ottobre il polo culturale La Distilleria – Feltrinelli Point di Pomigliano d’Arco ha messo in piedi una vera e propria festa della mozzarella.

Per consentire al pubblico di calarsi perfettamente nel clima, i casari della Fattoria Galluccio hanno dato una dimostrazione pratica di preparazione della mozzarella di bufala; grazie a acqua bollente, cagliata e filatura, tra le abili mani degli artigiani hanno preso forma bocconcini e trecce, per la gioia dei tanti bambini accorsi ad assistere.
 
IMG_3107
IMG_3110
IMG_3111
IMG_3104
 
Dalla preparazione si è poi passati all’utilizzo: e chi meglio dell’Ambasciatrice della Mozzarella di Bufala Campana Dop nel mondo Rosanna Marziale poteva illustrare le tante possibilità di impiego di questo straordinario prodotto?


IMG_3102

Rosanna Marziale

IMG_3105
 

Creatrice di tantissime ricette originali a base del pregiato latticino per il suo ristorante Le Colonne di Caserta, Rosanna le ha raccolte in un volume dal titolo Evviva la Mozzarella! e in occasione di questa presentazione ha realizzato dal vivo – tra i fornelli della scuola di cucina della struttura polifunzionale – due piatti del suo repertorio.
 
 
IMG_3103
IMG_3097
 
A introdurre e coadiuvare la chef, la giornalista enogastronomica Laura Gambacorta.


IMG_3121

Rosanna Marziale e Laura Gambacorta


Il primo dei piatti proposti è stato la celeberrima Palla di mozzarella con tagliolini al pesto, che riunisce tre amori della Marziale: la mozzarella, la pasta e il fritto.

Rosanna ha spiegato di essere stata tra i pionieri nell’utilizzo del forno a microonde nelle cucine dei ristoranti; questo strumento si è infatti rivelato utilissimo per ammorbidire la mozzarella di bufala, in modo tale da poterla plasmare successivamente.

Nel corso degli anni, ha sperimentato vari tipi di farcitura e di panatura della “palla”, fino ad arrivare alla versione attuale del piatto che prevede un ripieno di tagliolini alla crema di basilico, una panatura fatta con farina, uova e pane bianco tostato al forno e tritato, un accompagnamento composto da salsa di piselli e salsa di pomodorini del piennolo del Vesuvio grigliati, e una buccia di pomodoro cotta al forno come guarnizione.

La costruzione della “palla” non può essere fatta in anticipo; deve avvenire rigorosamente al momento, per consentirle di conservare la sua consistenza. Dopo l’assemblaggio, deve essere fritta in olio di semi di arachidi e servita subito.

 
IMG_3341
IMG_3158

Mozzarella ammorbidita

IMG_3231

Tagliolini al pesto

IMG_3208

Inserimento dei tagliolini

IMG_3168

Formazione della palla

IMG_3239

Frittura

IMG_3246

Palla di mozzarella di bufala con tagliolini al pesto


Altrettanto geniale il secondo piatto, la Pizza al contrario, nel quale il disco di pasta che fa da base è sostituito da un disco di mozzarella, il cornicione contiene crostini di pane tostato al forno mentre il condimento è dato da salsa di pomodoro San Marzano, olio extravergine d’oliva, foglie di menta o basilico ed altri crostini di pane.

Anche in questo caso si utilizza la tecnica dell’ammorbidimento della mozzarella al microonde (per farcire il cornicione), seguita dal fiammeggiamento con il cannello per ricreare l’effetto cottura della pizza.

Il gusto finale è sorprendentemente simile a quello di una Margherita!
 
IMG_3339
IMG_3258

Creazione del cornicione

IMG_3271

Assemblaggio

IMG_3284

Fiammeggiamento

IMG_3297

Condimento

IMG_33111

Pizza al contrario


Il delegato dell’Associazione Italiana Sommelier per l’area dei Comuni vesuviani, Pasquale Brillante, ha scelto di abbinare ai due piatti un’uva vesuviana, il Caprettone, in due differenti declinazioni: lo spumante metodo classico CaprettOne e il Lacryma Christi del Vesuvio Doc dell’azienda vinicola Casa Setaro.

In degustazione anche il Guappa, l’unico liquore con latte di bufala campana prodotto dall’Antica Distilleria Petrone.


IMG_3331

Massimo Setaro, Rosanna Marziale, Laura Gambacorta, Giorgia Scuotto e Pasquale Brillante


Il pubblico ha potuto gustare quattro diversi finger food di Rosanna Marziale: Girelle di mozzarella su couscous con verdure, Girelle di mozzarella su riso venere, Stracciata di bufala al profumo di cannella e Mozzarella cake, la versione campana del cheesecake.

IMG_3087

Finger food

IMG_3091

Mozzarella cake


Tanti prodotti di territorio e tanta identità nei piatti della chef stellata casertana.
 
IMG_3317
 
 
Il resoconto della mia visita a Le Colonne qui e qui
 
 
Le Colonne
Viale Giulio Douhet, 7/9 – Caserta
tel. 0823/467494
 
La Distilleria Culture District – La Feltrinelli Point
Via Roma, 281 – Pomigliano d’Arco, Napoli
tel. 081/8033702
 
Fattoria Galluccio
Via S. Allende I trav., 2 – Giugliano, Napoli
tel. 081/8941847
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Antonietta ha detto:

    Io sono una di quelle che sostiene che la mozzarella va gustata in purezza, e tu immagini il motivo… Nonostante ciò mi cimento ogni tanto a trasformarla e a utilizzarla in piatti più elaborati, riuscendo a sorprendere me stessa per i risultati ottenuti, e anche qui sai il motivo… Che altro aggiungere se non dirti che mi rammarico tanto per non aver saputo di questo evento e che un pensierino a prendere il libro di Rosanna lo farò sicuramente!
    I tuoi reportage riescono sempre a catturare la mia attenzione!
    A presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!