L’ARTE DELLA PIZZA FRITTA: MASARDONA

logo1

I pizzomani napoletani hanno una ghiotta alternativa verso la quale indirizzare i propri assalti, oltre alla tradizionale pizza cotta in forno a legna: la pizza fritta.

Saporosa eredità di uno storico commercio – gestito da signore che allestivano postazioni di frittura davanti alle proprie abitazioni per arrotondare le entrate familiari -, la pizza fritta è uno dei cibi da strada più rappresentativi della città. Ma, come per tutte le cose buone, la sua preparazione deve essere impeccabile!

C’è un vero e proprio luogo di culto, nel popolare quartiere detto Case Nuove, dove la pizza fritta raggiunge supreme vette di sublimità: la pizzeria friggitoria Masardona. Il nome deriva dall’appellativo conferito alla fondatrice Anna, friggitrice del secondo dopoguerra, e significa “messaggera”.

Oggi l’attività è gestita dal nipote Enzo Piccirillo e la sua famiglia. In questo piccolo locale pulitissimo e privo di odori si lavora ininterrottamente dal levar del giorno fino al primo pomeriggio, il sabato anche di sera.

IMG_9989

Enzo Piccirillo

IMG_0008IMG_0019
Le pizze fritte di Enzo sono una goduria: dorate, asciutte, leggerissime, dalla pasta sottile, farcite secondo la ricetta classica che prevede ricotta, cicoli, provola affumicata, basilico e un pizzico di pepe, con qualche concessione alla conserva di pomodoro.

IMG_0077IMG_9935IMG_9937IMG_9939IMG_9931IMG_9945IMG_9949IMG_9961IMG_9964
In alternativa, ripieno di scarole, olive nere, pinoli e uvetta, oppure pomodoro fresco, basilico e provola in estate.
Bontà da gustare insieme a un bicchierino di marsala offerto dalla casa.

IMG_00821IMG_0084
Gli ingredienti sono di ottima qualità; data l’elevata mole di consumo, i cicoli (croce e delizia) sono sempre freschi, morbidi e non rinsecchiti, forniti da un produttore di fiducia.
Con la stessa cura, l’olio viene cambiato costantemente.

IMG_9902

Cicoli


Due i formati, pizza tonda e battilocchio, sempre caldi, gonfi e aurei. Avvolti in carta, da consumare sul posto, portare via o ricevere direttamente a casa.
Come colazione, spuntino, pranzo o cena, la pizza fritta è sempre comfort food che scalda il cuore, lo stomaco e la giornata.

IMG_00381 IMG_0028
IMG_0074

Pizza fritta

IMG_9901IMG_98901
IMG_9892

Battilocchio

IMG_9967
Altrettanto straordinari sono i tortani pasquali e le pizze rustiche che Enzo realizza su ordinazione.

IMG_0360

Tortano


Il locale è ininterrottamente gremito, popolato dagli avventori più disparati. È uno spettacolo nello spettacolo osservare Enzo e famiglia preparare le pizze, lì a vista, e contemporaneamente assistere al viavai e all’interagire di personaggi sempre unici e autentici. Un traboccare di energia vitale, calore e umanità.

Prosecutori della tradizione familiare saranno i rampolli Cristiano e Salvatore, custodi di un patrimonio fatto di saperi e memorie, che attraverso di loro resterà imperituro. La Storia continua.

IMG_0054

Cristiano Piccirillo

IMG_0051IMG_0072IMG_0036
 
Masardona
Via Giulio Cesare Capaccio, 27 – Napoli
tel. 081/281057
 
 
ENGLISH VERSION
Neapolitan pizza lovers have a wonderful alternative to their attacks, in addition to traditional pizza baked in a wood-burning oven: the fried pizza. Tasty legacy of a historic trade – run by ladies who put up frying stations in front of their homes to increase the family income – the fried pizza is one of the most representative street food in the city. But, like all good things, its preparation must be impeccable! There is a real place of worship, in the popular area known as Case Nuove, where the fried pizza reaches supreme heights of sublimity: pizzeria Masardona. Name comes from the nickname given to the founder Anna, fryer after World War II, and it means “messenger”.
Today the business is run by his grandson Enzo Piccirillo and his family. In this small, clean and odor-free room they work continuously from daybreak until early afternoon; on Saturdays they work also in the evening.
Enzo’s fried pizzas are a pleasure: golden, dry, lightweight, thin-crust, stuffed according to the classic recipe that includes cottage cheese, pork fat, smoked provola, basil and a pinch of pepper, with some concessions to the tomato paste. Alternatively, they can be stuffed with escarole, black olives, pine nuts and raisins, or fresh tomato, basil and provola in the summer. Delicacies to be enjoyed with a glass of Marsala wine for free. The ingredients are of excellent quality; due to the high amount of consumption, cicoli are always fresh, soft and not shrunken, provided by a trusted manufacturer. With the same care, the oil is constantly changed.
Two sizes, round pizza and “battilocchio”, always hot, swollen and golden. Wrapped in brown paper, to be consumed on the spot, take away or receive at home. As breakfast, snack, lunch or dinner, the fried pizza is always comfort food that warms the heart, stomach and the day. Equally extraordinary are the Easter tortani and savory pizzas that Enzo realizes only on request.
The place is constantly crowded, populated by many different customers. It is a show within a show to observe Enzo and family prepare the pizzas, in plain sight, and at the same time to watch the comings and goings and the interaction of always unique and authentic characters. An overflow of vital energy, warmth and humanity.
Young Cristiano and Salvatore Piccirillo will be the prosecutors of the family tradition, guardians of a heritage of knowledge and memories, which will remain imperishable through them.
History goes on.  
Print Friendly

You may also like...

4 Responses

  1. Sembra davvero deliziosa, non conoscevo la pizza fritta, grazie per il post!

  2. Barbara Mugnai scrive:

    …confesso.. non l’ho mai assaggiata! Ahime, cosa mi sono persa… dev’esssere una delizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!