MADALÈ

Madal-C3-A8

Debutto felice per la prima edizione di Madalè – La Maddalena al Frantoio, una tre giorni di dibattiti, tavole rotonde e degustazioni di prodotti di territorio inserita all’interno della storica Fiera della Maddalena di Caiazzo (Caserta).

Location dell’evento, un antico frantoio rimodernato, che ha ospitato le esposizioni e gli incontri con artigiani e produttori dell’area casertana.

IMG_8120

Il Frantoio Ciaramella a Caiazzo


Presenti – a vario titolo – tante aziende rappresentative di diversi settori dell’agroalimentare: tra gli altri, l’azienda vitivinicola Ale.p.a di Caiazzo, il birrificio artigianale Karma di Alvignano, la cooperativa Officina Natura – Le erbe del Matese di San Potito Sannitico, l’azienda agricola Cantine Mattei di Piedimonte Matese, il Caseificio Ponticorvo di Alvignano, l’azienda Vigne Chigi di Pontelatone, l’azienda agrituristica Masseria dei Trianelli di Ruviano, la cooperativa agricola Colline del Matese di Piedimonte Matese.

IMG_8097

Karma

IMG_8104IMG_8102
IMG_8108

Cooperativa Officina Natura – Le erbe del Matese

IMG_8099

Cantine Mattei

IMG_8111

Associazione Micologica del Matese

IMG_8113

Colline del Matese


Nella serata conclusiva di domenica 21 luglio si sono svolti due incontri tematici.

Il primo è stato condotto dall’agronomo Vincenzo Coppola, titolare della fitofarmacia CESAG di Caiazzo e promotore di progetti per la tutela della biodiversità del territorio, che ha esposto alcune linee guida per il riconoscimento delle qualità dell’olio extravergine di oliva.

IMG_8130

Vincenzo Coppola


L’olio extravergine di oliva è uno dei principali ingredienti della Dieta Mediterranea ed anche un prezioso alleato della salute: è ricco di antiossidanti naturali, previene la senescenza delle cellule ed è costituito prevalentemente da acidi grassi insaturi, che non si accumulano nelle arterie. Ma è anche una fondamentale risorsa in cucina, capace di arricchire di gusto e profumo ogni tipo di piatto e di diversificarlo in base alla tipologia utilizzata.

L’olio d’oliva è fortemente influenzato dalle cultivar, la cui ampiezza di gamma in Italia rappresenta un record a livello mondiale. Nell’area delle Colline Caiatine predomina la varietà caiazzana, dalla quale si ricava un olio dal gusto delicato.
Si è passati quindi alla degustazione (svolta in due fasi, olfattiva e gustativa) degli oli dell’azienda olivicola Petrazzuoli di Ruviano, che annovera 3 tipologie: il blend Fontana Lupo, il Novello di Caiazzana e il gran riserva Dè Petra.

IMG_8114

Fontana Lupo

IMG_8116

Dè Petra

IMG_8139

Vincenzo Coppola e Giovanni Petrazzuoli


Coppola ha concluso il suo intervento illustrando le metodologie di saponificazione dell’olio di oliva. Dopo aver evidenziato le differenze di produzione tra un sapone per il bucato e quello per l’igiene personale, ha fornito una ricetta casalinga per la preparazione di saponette per il corpo.
Queste le dosi: 1 kg di olio d’oliva (non extravergine), 135 grammi di soda caustica e 300 ml di acqua distillata. L’unico inconveniente è che occorrono fino a 6 mesi di tempo prima di poter utilizzare il sapone autoprodotto…

Il secondo incontro della serata è stato con la chef pasticcera Anna Chiavazzo, titolare de Il Giardino di Ginevra di Casapulla.

IMG_8146

Anna Chiavazzo


Con la semplicità e la schiettezza che la contraddistinguono, la Chiavazzo ha raccontato il suo percorso, fortemente legato alla qualità e al territorio. Nel suo laboratorio le lavorazioni avvengono in modo artigianale, con ingredienti selezionati (prevalentemente locali) e senza semilavorati. Secondo la sua idea, la pasticceria deve essere un piacere per la vista e per il palato, così come “ricerca di memoria”. Da qui la predilezione per prodotti che richiamino la tradizione: biscotti, confetture, rosoli e lievitati con pasta acida naturale. Da tempo la Campania brilla nella produzione del panettone, il re dei lievitati, simbolo per eccellenza della pasticceria italiana agli occhi del mondo. Una lavorazione particolarmente congeniale alla Chiavazzo, che rispetta la lievitazione naturale, senza induzione.
Da un progetto in collaborazione con il Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop è nato il Pan(n) di Bufala, il panettone in cui la panna di latte di bufala sostituisce integralmente il burro, conferendo al prodotto il suo sapore caratteristico.

IMG_8170

Pan(n) di Bufala


Una creazione di forte identità territoriale, che ben si presta ad essere gustata con accompagnamenti sia dolci che salati. Ed è proprio il perseguimento dell’identità la ricetta di Anna Chiavazzo per emergere dall’omologazione e dalla crisi, sia nel settore enogastronomico che altrove.

IMG_8172

Riferimenti utili: 
 
Azienda Olivicola Petrazzuoli
Via Scoccilli, 27 – Ruviano, Caserta
tel. 0823/304977
 
Il Giardino di Ginevra
Via G. Stroffolini, 31 – Casapulla, Caserta
tel. 0823/1703137
Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!