PENSANDO A TE

logo Pensando a Te
Qui in casa All’assaggio siamo avvezzi al pellegrinaggio gastronomico, al punto che uno dei nostri intenti dichiarati è quello di tentare di persuadere anche chi ci legge a fare lo stesso.
La nostra curiosità e il nostro appetito atavico non conoscono ostacoli di sorta, e non sono di certo pochi (ma anche tanti!) chilometri a spaventarci quando si tratta di scoprire e sperimentare.
Per la nostra ennesima incursione, siamo andati nel cuore della Valle dell’Irno, in quel comune di Baronissi noto ai più in quanto ospitante una delle sedi dell’Università degli Studi di Salerno. A spingerci alla trasferta, il desiderio di provare in loco la cucina di uno chef incrociato nel corso di vari eventi golosi: Antonio Petrone.

Antonio_Petrone

Antonio Petrone


Dopo un percorso costellato di collaborazioni con stellati Michelin (Casa del Nonno 13, Pappacarbone, Il Faro di Capo d’Orso, La Terrazza dell’Eden di Roma), Petrone ha aperto il suo ristorante Pensando a Te nel 2010, il cui nome è un omaggio al coronamento del suo sogno di avere un locale in proprio. L’avventura ristorativa è condivisa con la moglie Imma e con la cognata Lucia, responsabili dell’efficiente servizio di sala.
L’ambiente è accogliente; lo sguardo cade piacevolmente sui toni scuri, sui faretti che danno luce soffusa, sulle comode sedie in pelle, sulla libreria carica di volumi e sui vari prodotti ordinatamente disposti in giro.

IMG_2362
In carta, soprattutto mare e territorio.
Crackers, grissini e panini sono home made, il che è già un buon segnale. Menzione speciale per il magnifico profumo di burro di bufala che aleggia intorno ai prodotti da forno e per gli sfiziosissimi mini babà rustici presenti nel cestino.

IMG_2373babà_rustico
Come benvenuto di apertura, Datterini, pane al pomodoro, alici e porcini, un boccone croccante racchiudente i temi portanti della cucina dello chef, vale a dire grande materia prima toccata il meno possibile, cotture brevissime e utilizzo oculato del sale.

IMG_2371

Datterini, pane al pomodoro, alici e porcini


Abbiamo lasciato mano libera allo chef, che ci ha preparato una sfilza di antipasti: Mazzancolle di Castellabate scottate, mozzarella di bufala e verdurine biologiche saltate all’agro; Polpo verace arrostito, finocchietto selvatico, spuma di patate e fagiolini di palo; Millefoglie di pesce bandiera, mozzarella, friggitello, cipollotto; Tagliata di totano nero della Costiera, zucchine striate napoletane, fagioli di Controne, erbette e aria di limone.
Gli accostamenti del pesce con la mozzarella e con le verdure sia cotte che crude risultano di buon equilibrio. La sapidità, come si diceva, è tratta pressoché esclusivamente dagli ingredienti stessi, senza ulteriori aggiunte o quasi.
I piatti (intesi come supporto) sono serviti bollenti, una compensazione alla temperatura non elevatissima del contenuto dovuta alle cotture rapide.

IMG_2405

IMG_2381

Tagliata di totano nero della Costiera, zucchine striate napoletane, fagioli di Controne, erbette e aria di limone

IMG_2377

Mazzancolle di Castellabate scottate, mozzarella di bufala e verdurine biologiche saltate all’agro

IMG_2390

Millefoglie di pesce bandiera, mozzarella, friggitello, cipollotto

IMG_2394

Polpo verace arrostito, finocchietto selvatico, spuma di patate e fagiolini di palo


A seguire, i primi. Lo Spaghettone artigianale Vicidomini trafilato al bronzo con cozze di Salerno, cacio e pepe è cremoso, ben amalgamato e incisivo.

IMG_2415

Spaghettone artigianale Vicidomini trafilato al bronzo con cozze di Salerno, cacio e pepe


Il sughetto degli Gnocchi di patate rosse di Montoro fatti in casa con lupini di mare, pomodorino e basilico fresco è un vero concentrato di sapore iodato, un guazzetto succulento che accompagna ogni boccone.

IMG_2401

Gnocchi di patate rosse di Montoro fatti in casa con lupini di mare, pomodorino e basilico fresco


Quasi una bistecca la carnosa Ricciola di Castellabate arrostita con friariello salernitano e datterino, ben abbinata all’amaro del peperone e della rucola e all’agrodolce della cipolla.

IMG_2440IMG_2456

IMG_2472

Ricciola di Castellabate arrostita con friariello salernitano e datterino


Infine, i dolci pensieri della casa. Scenografica quanto gustosa la Cheesecake alle fragole che si sviluppa in altezza.

Cheesecake_alle_fragole

Cheesecake alle fragole


Un classico in versione contemporanea l’After Eight, tortina di mandorle e cioccolato fondente 72% con gelato alla menta piperita, così come il Non il solito Tiramisù (crumble al cacao, montata di mascarpone, gelato al caffè e al cioccolato), che diventano dessert freschissimi grazie alla presenza del gelato.

After_Eight

After Eight: tortina di mandorle e cioccolato fondente 72% con gelato alla menta piperita

IMG_2492

Non il solito Tiramisù: crumble al cacao, montata di mascarpone, gelato al caffè e al cioccolato


Il menu degustazione costa 38 Euro.
Nella cucina regna il silenzio, nonostante i tre cuochi alle prese con i fornelli; niente urla da reality show, per intenderci!

IMG_2422
A riprova del carattere serafico di Antonio Petrone, l’amicizia con i colleghi thirtysomething con cui forma il gruppo Amici per le Padelle, ovvero Mirko Balzano, Rocco De Santis, Michele De Martino & Riccardo Faggiano, Marco Laudato, Cristian Torsiello e Cristoforo Trapani.

Ottimo curriculum (che annovera anche la vittoria al concorso Acqua di Chef 2013 nella categoria Concept con il piatto L’incontro della Terra con il Mare), tecnica, consapevolezza e un locale ben avviato: bravo Antonio! I nostri auguri per successi ancora più grandi.


Pensando a Te

Via dei Due Principati, 40/H – Acquamela di Baronissi, Salerno
tel. 089/954740
www.pensandoate.it


Eventi a cui ha preso parte Antonio Petrone:

Festa a Vico 2013
Festa a Vico 2014
Festa a Vico 2015
La Buona Notte 2015

Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!