CASA KBIRR

logo Casa Kbirr
A luglio 2016 vi avevamo raccontato il debutto del microbirrificio artigianale napoletano Kbirr.
Un progetto dalla forte connotazione territoriale, un vero e proprio inno a cultura, arte e tradizioni partenopee, dal naming dei prodotti alle etichette, fino alle presentazioni in location suggestive e non convenzionali come un atelier d’artista e un “basso” di Spaccanapoli.
Dopo circa un anno e mezzo, la birra napoletana ha trovato anche una casa: Casa Kbirr.

IMG_6671
Il 28 febbraio ha infatti inaugurato a Torre del Greco il ristorante voluto da Fabio Ditto, ideatore e responsabile commerciale di Kbirr.

Luminoso, accogliente, informale, Casa Kbirr è un nido che ospita non solo l’intera linea delle birre aziendali, ma anche il meglio del repertorio della gastronomia partenopea.

IMG_6630IMG_6646IMG_6665IMG_6674
Tutto è campano al 100%, dai prodotti utilizzati alle ricette, compresa la chef Sabrina Russo (sorella d’arte: il fratello Vincenzo Russo guida le cucine del partenopeo Baccalaria).

IMG_6641

Sabrina Russo e Fabio Ditto

IMG_6659
Il menu è quasi un trattato di cucina napoletana. Qui ci si può coccolare, ritrovare i sapori dell’infanzia, riappropriarsi di piatti amatissimi che talvolta non vengono più preparati tra le mura domestiche per via dei lunghi tempi di realizzazione (ecco quindi che viene in soccorso la sezione Chello ca mugliereta nun te fa: parmigiana di melanzane, di alici o di baccalà; gattò di patate; baccalà fritto e patate; alici fritte; palla di Casa Kbirr, ovvero mozzarella di bufala ripiena di parmigiana su crema di ragù).

Corposa e stuzzicante la parte dedicata agli sfizi: ‘a fellata (tagliere di salumi e formaggi del territorio), ‘e fritte d’‘a tradizione (vari tipi di frittatine di pasta, arancini, crocchè), ‘a patanella bella fresca (chips rigorosamente non surgelate), ‘e ppurpettelle (polpette classiche, al ragù, alla genovese, di alici).

IMG_6682

Frittatine di pasta: classica, alla genovese, al ragù e di pasta e patate

IMG_6684

Polpette di alici

IMG_6687

Polpette al ragù


I primi firmati Pastificio Gentile di Gragnano celebrano la cucina casareccia: candele spezzate al ragù o con la genovese, pasta e patate con la provola, spaghettoni al soffritto oppure con aglio, olio e tarallo…
L’impiattamento in tegamini d’alluminio o nei contenitori grattaformaggio richiama alla memoria i bei tempi andati, mentre la “mezza porzione” e la “forchettata” sono un invito alla condivisione e alla tentazione di una portata in più.

IMG_6691

Candele spezzate al ragù

IMG_6707

Candele spezzate con la genovese


Anche il panino, naturalmente, parla napoletano: le rosette sono del Panificio Malafronte di Gragnano, da farcire con braciola, polpette, parmigiana, soffritto, salsiccia o carne (al ragù o alla genovese).

Le carni, di pregio, sono di Griff Burger e del rinomato macellaio Sabatino Cillo.

In carta non ci sono abbinamenti consigliati con le birre; ci sentiamo di affermare che la lager Natavot, con la sua fresca bevibilità e il suo corpo leggero ma non watery, può tranquillamente spaziare tra tutte le pietanze.

Veraci pure i dolci: oltre ai classici come Pastiera e Caprese ci sono pure la Cassata vesuviana e il Paliatamisù, tiramisù realizzato con l’Imperial Stout Paliat.

IMG_6710

Pastiera


Il rito del caffè finale è delizioso, con le tazzulelle decorate e l’espresso servito direttamente dalla moka.

IMG_6716IMG_6719
I cioccolatini nelle forme più iconografiche della città di Napoli sono creazioni di Nero Vesuvio, i liquori sono della distilleria Il Nastro d’oro di Massa Lubrense.

IMG_6717
I prezzi? Accessibilissimi, siamo ai livelli dello street food ma con il comfort della tavola.

La casa della cultura napoletana è completata da tantissimi manufatti di artisti locali.  Lampade, sculture e illustrazioni rappresentano Napoli con tutti i suoi simboli, dal Vesuvio alla sirena Partenope, da San Gennaro al cornicello rosso.

Iron Angels Roxy in the box


Casa Kbirr racconta Napoli, e lo fa con un linguaggio moderno che fonde arte culinaria e arte figurativa. Una rappresentazione della città bella, buona e intraprendente.
Magnate, bevete e godetevi lo spettacolo.

IMG_6663

Casa Kbirr
C.so Vittorio Emanuele, 53 – Torre del Greco, Napoli
tel. 081/18361861
www.facebook.com/Casa-KBirr-146924419319705/
Aperto solo a cena.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *