FESTA A VICO 2016 – LA NOTTE DELLE STELLE

Festa a Vico
È appena calato il sipario sulla tredicesima edizione di Festa a Vico, la grande kermesse enogastronomica a scopo benefico ideata dallo chef Gennaro Esposito (due stelle Michelin per il ristorante La Torre del Saracino).
Tre giornate – dal 29 al 31 maggio – all’insegna de Il gioco delle mani amiche: buon cibo, divertimento e tanta solidarietà.
Non dimentichiamo infatti che la parte più ludica e godereccia serve a fare cassa per le O.N.L.U.S. supportate dalla manifestazione; il ricavato dell’annata 2016 è stato devoluto a A.L.T.S. Associazione alla Lotta ai Tumori del Seno, Associazione Sostenitori Ospedale Santobono Onlus, LILT – Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori – Sezione di Napoli, Istituto dei Tumori Napoli – Fondazione G.Pascale – Chirurgia Oncologica Colorettale.

E quindi, domenica 29 è stata destinata come sempre alla Repubblica del Cibo, con i suoi 130 chef emergenti sparpagliati nei negozi del centro di Vico Equense a proporre assaggi (evento che noi abbiamo seguito nelle edizioni 2013, 2014 e 2015); lunedì 30 è stato il turno della Cena di Beneficenza preparata da 20 grandi nomi della ristorazione italiana per 200 commensali presso Il Bikini, mentre martedì 31 il gran finale è stato assicurato dalla Notte delle Stelle.

Pizzaioli, produttori e sessanta chef stellati hanno colonizzato il lungomare Marina d’Aequa a Seiano con le loro postazioni all’aperto.

IMG_6068IMG_6085IMG_6099
Tantissimi appassionati e chef impegnati nelle serate precedenti hanno passeggiato lungo il percorso delineato, godendosi la splendida serata e prendendo d’assalto i piatti offerti (che sono infatti andati esauriti in breve tempo).
La sottoscritta si è difesa come ha potuto, tentando di fotografare e assaggiare 😉
Nel parterre, volti amici e tante nuove scoperte.

Bavuso

Giovanni Bavuso (Il riccio, Anacapri) – Panino aglio, olio, palamita e maionese alla colatura di alici di Cetara


Peppe Guida, uno dei massimi interpreti della pasta, ha scelto di presentarne una versione “soffiata”.

Guida

Peppe Guida (Antica Osteria Nonna Rosa, Vico Equense) – Spaghetti aglio e olio soffiati, bottarga di ricciola e prezzemolo


Gli amici del Krèsios, per i quali nulla è mai semplice, hanno aggiunto delle cozze sferificate alla loro Pasta e fagioli.
In rappresentanza del patron Giuseppe Iannotti, i due sous-chef Eugenio Vitagliano e Tadashi Takayama.

Kresios

Eugenio Vitagliano e Tadashi Takayama (Kresios, Telese Terme) – Pasta e fagioli

Iavarone

Domenico Iavarone (Maxi, Vico Equense) – Candele spezzate alla genovese

Mazzella

Emanuele Mazzella (Vespasia, Norcia) – Girasole di pasta all’uovo in farcia di patate all’olio, datterino e zucchine fermentate

Nacci

Francesco Nacci (Botrus Divinoristorante, Ceglie Messapica) – Crema di piselli sponzale e grappa, seppia sporca in acqua di zenzero e rucola, il suo nero e il tarallo pugliese travestito da grissino

Nastri

Luigi Nastri (Stazione di Posta, Roma) – Risotto colatura di peperoni, coriandolo e calamari

Proto

Roberto Proto (Il Saraceno, Cavernago) – Ravioli , mozzarella di bufala, alici, essenza di limone e briciole di pane

Russo

Gennaro Russo (La Sponda dell’Hotel Le Sirenuse, Positano) – Granchio a tutto pomodoro

Terrinoni

Giulio Terrinoni (Per me Giulio Terrinoni, Roma) – Tortellini panna e prosciutto

la pineta

Ristorante La Pineta, Marina di Bibbona – Tortelli di ricotta ed erbette con acciughe, fiori di zucca e bottarga

gruppo chef

Lino Scarallo, Domenico Iavarone, Vincenzo Guarino e Paolo Barrale


Gettonatissime le pizze fritte di Masardona e pizzeria Élite-Rossi.

Masardona

Cristiano e Enzo Piccirillo (Masardona, Napoli)

Rossi

Pasqualino Rossi (Pizzeria Élite-Rossi, Alvignano)


Tra gli espositori presenti, il Caseificio Aurora e tre birrifici artigianali di nostra conoscenza.

Aurora

Paolo Amato (Caseificio Aurora, Sant’Egidio del Monte Albino)

Bifulco

Macelleria Bifulco (Ottaviano)

Cillo

Venerando Valastro per Macelleria Cillo (Airola)

birrificio Sorrento

Giuseppe Schisano e Francesco Galano (Birrificio Sorrento, Massa Lubrense)

Musso

Teo Musso (Baladin, Farigliano)

Karma

Mario Cipriano (Karma, Alife)


Ovviamente Gennaro Esposito non poteva perdersi la serata finale, e noi lo abbiamo immortalato il compagnia del decano dei pasticceri napoletani, il maestro Sabatino Sirica.

Esposito

Al centro, Gennaro Esposito e Sabatino Sirica


L’epilogo della serata e dell’intera Festa a Vico si è avuto con Dessert Storm, il ricchissimo buffet di dolci a cura di oltre 20 pasticceri italiani all’interno del Complesso turistico Le Axidie.
Tra essi, la chef Viviana Varese e la famosa Cremeria Gabriele di Vico Equense, che ha presentato il nuovo gusto di gelato “Sinfonia”: crema di mele annurche, pellecchielle del Vesuvio e biscotto alle nocciole di Giffoni. Golosissimo se gustato nella squisita brioche artigianale di casa Cuomo.

Gabbiano

Salvatore Gabbiano (Pasticceria Gabbiano, Pompei)

Cuomo

Raffaele Cuomo (Cremeria Gabriele, Vico Equense)

Panzardi

Emilio Panzardi (Emilio gelateria, Maratea)

Pepe

Alfonso Pepe (Pasticceria Pepe, Sant’Egidio del Monte Albino) – Babà all’olio di oliva inzuppato con bagna al pomodorino di Corbara e basilico servito su crema di latte cotto di bufala, crema di Corbarino candito, pesto di basilico e olio di oliva

Ricci

Stella Ricci (Pasticceria Stella, Rotondi)

Varese

Viviana Varese e Sandra Ciciriello (Alice Ristorante, Milano) – Già Rotta: meringa con spuma di zabaglione, vellutata di mandorla, mandorle croccanti, sorbetto al caffè e cioccolato amaro e pepe timut

Villa Franca

Vincenzo Esposito (Hotel Villa Franca, Positano) – Giallo Limone


Come spesso accade in queste occasioni, avremmo voluto scattare e mangiare molto di più… 
Staremo a vedere cosa accadrà in futuro!

Print Friendly

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!